There are even those patients whose problem lies somewhere between these three disorders cialis australia is the most popular in Australia, followed by vardenafil and tadalafil as active ingredients.

E-brei.net





+972 (0)52.7116408
Mazal Tov per il 26esimo com- pleanno della moglie di uno degli autori di "Momenti di Torà". Che Hashem la ripaghi per avermi dato la possibilità di scrivere e studiare Torà durante tutto l'anno passato. E che tutti i desideri del suo cuore le siano realizzati, e possa vedere i nostri figli ed i figli dei nostri figli crescere nella strada della Torà e Con affetto il marito Michal e David Della Rocca per la nascita di Rafael L' iniziativa che vede ora la luce viene dall'idea di fornire a ritmi costanti brevi spunti di Torà in italiano, essenzialmente regole e pensiero ebraico. Sono iniziative piuttosto comuni nel mondo ebraico diasporico, un pò meno comuni, anche se non rare, in Italia. La novità ora sta nella formula particolare e nell'entusiasmo di chi la realizza ora, scrivendo in italiano da Eretz Israel dove si è recato a studiare.
Certamente è un lavoro utile e benvenuto che merita gratitudine e auguri di successo


5 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'א Momenti di Musar
Giovedì ישימח םוי Il legame che c'è fra Tisca be Av e il mese di Elul ci rivela quali devo-
no essere le nostre preghiere a Rosc Ascana
Vi è un legame molto stretto fra il mese di Elul e Tisca be Av, questo ci vie- ne mostrato dal fatto che durante tutto il mese di Elul (secondo la maggior parte degli usi) non vengono lette Aftarot legate alla parasca, come nel re- sto dell'anno, ma aftarot di consolazione (sceva denehamata) che vengono a consolare il popolo dopo il lutto per la distruzione del Bet Amikdasc. Naturalmente non è un caso che queste vengono lette proprio nel mese di Elul che, come sappiamo, è il mese della Tescuva, del pentimento, in cui tutto il popolo ebraico è occupato a prepararsi spiritualmente in vista del giudizio di Rosc Ascana, ma è un indicazione specifica che ci rivela come la nostra tescuva deve essere legata a l lutto di Tisca be Av . Per capire questo legame dobbiamo prima introdurre una piccola nozione di Kabalà (questa nozione è quella più basilare sulla quale si basa tutta la Kabala). Come sappiamo vi sono dieci sefirot, e queste sono divise sostanzialmente in due parti le prime tre (hochma, bina e dat) e le ultime sette, la divisione è dovuta dal fatto che le prime generano le ultime, ovvero senza le prime tre sefirot non possono esistere le ultime sette. Non a caso le aftarot che sono legate al periodo di Tisca be Av sono dieci , come le sefirot, e non a caso, come queste, sono divise in due gruppi di tre e sette, le prime tre di punizione e le ultime sette di consolazione. Questo ci insegna che senza il dolore per la distruzione del tempio non si può arrivare a nessun tipo di consolazione, ovvero così come nelle sefirot le prime tre sono la causa delle ultime sette la consolazione delle ultime sette aftarot deriva in modo diretto dal lutto espresso nelle prime tre e per questo sono state divise in Per capire meglio bisogna sapere che il vero pianto di Tisca beAv non è dovuto tanto alla distruzione del Tempio, quanto a quello che questa ha comportato, ovvero l'allontanamento spirituale tra il popolo ebraico e il S., prima della distruzione la presenza Divina era manifesta e il nostro legame con il S. era simile a quello di un padre con i suoi figli. Vi erano profeti che potevano rivelarci in maniera assoluta quale era la volontà di D-o (ad esempio se uno era indeciso su quale affare compiere o su quale casa comprare o dove andare a studiare poteva chiedere al profeta e questo gli rivelava quale era la giusta cosa da fare), in pochi anni si poteva arrivare a sapere tutta la Torah ( compresa tutta la ghemara, la kabala i midra- scim.), in altre parole il nostro livello spirituale era cosi elevato che ci è quasi impossibile immaginarlo o descriverlo. Continua a pag. 64


5 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'א Momenti di Halakhà
Giovedì ישימח םוי REGOLE DI SHABBAT- "MELABEN"
-DOMANDA: Se si è impolverato il pantalone o simili lo si può battere per pulirlo? -RISPOSTA: Per quanto riguarda un vestito che si è sporcato con della terra, con la polvere o simili, se colui che lo veste non usci- rebbe con una macchia simile addosso, gli sarà vietato pulirlo in qualsiasi modo. Sarà quindi proibito strofinarlo, sia con la mano che con un panno persino asciutto. Per quanto riguarda quelle per- sone alle quali non disturba uscire con una macchia del genere in- dosso, allora sarà per loro permesso pulirla, ma senza acqua come studiato (nell'opuscolo di Elul 24 e 25). Alla luce di questo è bene fare attenzione a dove riporre i propri vestiti, per far sì che non si sporchino di polvere o simili.
-Secondo Rav Ovadia Yosef (sefarditi) è permesso pulire un vestito che si sia sporcato di polvere o simili in tutti i casi, anche se la per- sona non tolleri la macchia. Tuttavia anche secondo quest'opinion- ne chi sarà rigoroso e si asterrà dal farlo riceverà benedizione (vedi nell'opuscolo di Elul 24 che per le superfici rigide come mobili o si- mili è permesso rimuovere la polvere posatasi ma senza lucidarli).
-Un abito (o simili) che ci sia caduto sopra della neve o della rugia- da non ancora sciolti, è permesso sbatterlo (c'è chi dice solo lieve- mente), e la stessa cosa vale per qualsiasi cosa che non sia entrata nella fibra del vestito, come per esempio delle piume o simili: è permesso rimuoverle in ogni modo (senza acqua, e neanche con un panno imbevuto). Tuttavia se la neve si è sciolta, oppure il ve- stito si sia bagnato con dell'acqua piovana o simili, e la persona non è disposta a indossarlo in questo stato, e il vestito è di colore scuro (nero, blu, antracite ecc), allora sarà vietato scuoterlo, dal momen- to che sbattendolo si ripulisce l'abito ed è considerato come un "la- vaggio" vietato di shabbat. In caso contrario sarà permesso farlo. (Continua domani) (alachot tratte da "Orchot Shabbat" e "Yalkut Yosef")


6 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ב Momenti di Musar
Venerdì ישיש םוי
Parashat Haazinu
Un ebreo del quartiere di Bnei Beraq, in Israele, una volta si recò dal Gaon Rabbì Avraham Yeshaiau Karelitz (meglio noto con il soprannome di "Chazon Ish", come il titolo del suo famoso libro di Halachà), chiedendo lui una spiegazione, dal punto di vista ebraico, circa i drammatici eventi che si erano verificati in Europa durante la seconda guerra mondiale ed a cui era conseguito l'an- nientamento di milioni di uomini, donne e bambini ebrei, gran parte dei quali erano persone giuste e pie, timorose di Hashem e totalmente prive di peccati. Il Chazon Ish spiegò al suo ospite che è proibito perdere la fiducia in HaKadosh Baruch Hu, e nel fatto che Egli governa il mondo con rettitudine e giustizia. "Colui che non è esperto di lavori di sartoria – disse il Chazon Ish – e vede un sarto che strappa e taglia il tessuto che ha di fronte a sé, è naturalmente portato a pensare, in cuor suo, che il sarto stia incomprensibilmen- te distruggendo e rovinando quella pregiata stoffa. In realtà, il sarto altro non sta facendo se non preparare un nuovo abito partendo dal tessuto a lui affidato, il quale tessuto, una volta cucito, diverrà ancora più pregiato di quanto era in precedenza…".


6 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ב Momenti di Halakhà
Venerdì ישיש םוי REGOLE DI SHABBAT- "MELABEN"
(Continua da ieri)-Quanto riportato nell'alachà precedente riguar- da i casi in cui l'acqua sciolta dalla neve o quella piovana siano esi- gue, però nel caso che i vestiti si siano bagnati abbondantemente, subentrerà il divieto di "strizzare". Perciò sarà vietato scuoterli, per- ché così facendo li si strizzerebbero, azione inerente alla melachà di "melaben" vietata di shabbat. In questo c'è però un dettaglio da sapere: se lo si scuote con forza, venendolo a strizzare, sarà vietato per ogni tipo di vestito o simili. Se invece lo si farà debolmente, sarà proibito solo per abiti o simili che siano nuovi. Se è vecchio, e dunque non c'è il rischio che l'acqua lo restringa, allora è permesso -E' vietato quindi strizzare un vestito o uno straccio bagnato anche se questi è pulito completamente. Anche i vestiti tramati in fibra sintetica è vietato strizzarli.
-E' quindi vietato utilizzare dei panni bagnati di shabbat in ogni modo, perché c'è il pericolo di finire per strizzarli. Tuttavia se si vuole asciugare il tavolo o simili, si potrà farlo utilizzando un pan- no asciutto; però si faccia attenzione che questo non si impregni esageratamente d'acqua, a tal punto che lo si possa strizzare, caso in cui è vietato utilizzarlo persino a priori. Quindi nel caso si versi una quantità d'acqua consistente, si dovrà utilizzare un asciuga- mano o simili, abbastanza grandi che dopo l'utilizzo non lo si potrà strizzare dall'acqua impregnata.
-E' permesso asciugare i piatti e le posate bagnate con un panno asciutto, però si dovrà fare attenzione che questo non arrivi ad uno stato che è possibile strizzarlo per la sua umidità, in quel caso si dovrà cambiarlo con uno asciutto.
-E' vietato in ogni caso utilizzare un panno anche asciutto, per asciugare dei bicchieri con l'imboccatura stretta, visto che nel farlo si viene a strizzare l'acqua appena assorbita.
(alachot tratte da "Orchot Shabbat" e "Yalkut Yosef") 7 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ג Momenti di Musar
Sabato תבש םוי "O cieli, prestate ascolto ed io parlerò!" (Devarim 32, 1); il Rebbe di Kotzk ha spiegato così questo verso: "Prestate un ascolto simile a quello del cielo…".
Per quale motivo si dice che un uomo che rispetta Hashem è un "Irè Shamaim – Timorato del cielo"? Non sarebbe forse meglio dire che egli è un "Irè Hashem – Timorato di Hashem"? In realtà – spiega il Rebbe di Kotzk – il timore più grande di fronte alle parole di Hashem è stato dimostrato proprio dal cielo: come insegnato dai nostri Maestri, infatti, anche se il cielo fu creato da HaKadosh Baruch Hu durante il primo giorno della creazione, lo stesso non si "solidificò" fino a che, all'inizio del secondo giorno, il Signore D-o disse: "Vi sia un firmamento dentro le acque che separi le acque [superiori] dalle acque [inferiori]!" (Bereshit 1, 6). Di fronte all'ordine perentorio di Hashem, secondo il midrash, il cielo "liquido" immediatamente si compattò e divenne solido, così come un uomo che si irrigidisce dalla paura di fronte ad un grido terrificante (TB Chaghigà e Midrash Bereshit).
Da quel momento in poi il cielo è rimasto costantemente solido, senza più tornare al suo stato originario nemmeno per un istante, e ciò proprio in virtù dell'immenso timore dimostrato di fronte al comando divino: "Vi sia un firmamento!".
Per questa ragione si dice che un ebreo rispettoso di D-o Benedetto è un "Irè Shamaim – Timorato del cielo", in quanto l'uomo deve imparare proprio dal cielo quale è la maniera giusta di temere la parola di Hashem e di rispettare, ogni giorno della propria vita e senza alcuna interruzione, i Suoi comandamenti. Ciascun mem- bro del popolo d'Israele è quindi tenuto a "prestare un ascolto si- mile a quello del cielo…".
7 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ג Momenti di Halakhà
Sabato תבש םוי REGOLE DI SHABBAT- "MELABEN"
-DOMANDA: E' permesso utilizzare le salviette umidificate di -RISPOSTA: Secondo le autorità ashkenazite è vietato usarle. In- vece secondo quelle sefardite c'è chi permette farlo ma solo pas- sandole debolmente sulla superficie interessata. Tuttavia se quelle sono attaccate l'un l'altra è d'obbligo secondo tutte le opinioni stac- carle prima di shabbat.
-Già abbiamo accennato (vedi l'opuscolo di Elul 24) che la sola im- mersione o aspersione d'acqua su un abito o simili, sono vietati di shabbat. E questo anche se non si ha l'intenzione di detergere, per- ché in ogni caso l'acqua, anche senza lo strofinamento o il sapone, ha la forza di lavare anche se non appieno.
-C'è discussione tra i Rishonim (autorità rabbiniche del medioevo, per es:Rashì, Rambam ecc) se esista il divieto di lavare un abito pu- lito di shabbat. L'alachà, secondo l'opinione più rigorosa, è che esi- ste il divieto di "melaben" anche se si lava un abito pulito. Tuttavia secondo tutte le opinioni è vietato di shabbat immergere nell'ac- qua un vestito o simili con l'intenzione di lavarlo anche se pulito.
-Nel caso si sia versata dell'acqua sulla tovaglia, sarà permesso tra- scinarla via, anche se questa si bagna nei punti dove l'acqua non ci era arrivata. Ciononostante si dovrà fare attenzione a non far pressione sulla tovaglia affinché non la si strizzi.
-Le pezze completamente bagnate (per esempio quelle che stanno nel lavandino) è permesso spostarle. Tuttavia secondo tutte le opi- nioni è vietato utilizzarle per lavarci i piatto o altri utensili, anche se questi sono immersi nell'acqua e sembrerebbe di non strizzarle durante il loro impiego.
-Per lavare i piatti di shabbat è permesso farlo con le mani (o con i guanti di plastica) o utilizzando la spugnetta esclusivamente di metallo, che non assorbe e trattiene l'acqua.
(alachot tratte da "Orchot Shabbat" e "Yalkut Yosef") 8 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ד Momenti di Musar
Domenica ןושאר םוי
IL PENTIMENTO

L'essenziale del pentimento, il cammino del ritorno verso D-o, consiste
nel risvegliare il bene che è sepolto in noi. Da qui l'importanza di consi- derare solo gli aspetti positivi di una persona: questo è il mezzo migliore per permettergli di correggere i suoi errori.
Si racconta il seguente aneddoto: uscendo dal bet akeneset uno shabbat mattina, Rav Levi Izchak di Berdichov incontrò un ebreo che cammi- nava nella strada principale con un sigaro in bocca. Lo zadik, che era famoso per essere l'avvocato del popolo ebraico presso D-o, non si turbò affatto dello spettacolo. Si avvicinò al miscredente e gli chiese amabil- mente: "Sai tu figlio mio che oggi è shabbat?" "Certo" rispose l'uomo. "Ma allora, forse ignori che è proibito accendere il fuoco?" "Lo so benis- simo!" Allora alzando gli occhi al cielo esclamò:"Padrone dell'universo! Guarda come il peggiore de tuoi figli rifiuta di dire una menzogna!".
C'è una grande lezione da imparare da questo racconto: la ricerca del punto positivo in ogni circostanza. Il Rabbi non ha minimizzato la tra- sgressione dello Shabbat, ha semplicemente cercato qualcosa di buono in quell'uomo. Applicata in questo modo, l'indulgenza non è più una debolezza ma una forza, quella forza che permette di salvare delle situa- zioni che il rigore avrebbe condannato.
Nel Likutèi Moharan, Rabbi Nachman di Breslav ci raccomanda lo stes- so atteggiamento da adottare in maniera sistematica: anche se ti rendi conto che l'uomo è completamente malvagio, giudicalo dal lato buono. Cerca in lui qualche punto valido, una mizwà, una buona azione, non è possibile che in tutta la vita non abbia compiuto almeno un'azione de- gna di lode. Rabbi Nachman ci insegna che con tutti i lati positivi delle persone che rileviamo, ci si comporrà una melodia che ci permetterà di cantare ed essere allegri. Giudicando le persone con indulgenza, si permetterà loro di fare teshuvà.
Questo è il lavoro che ci richiede Hashem in questi giorni. Se ci sforze- remo di trovare sia nel prossimo che specialmente in noi tutti quei punti positivi, dalla più piccola mizwà alla più grande com- piuta durante l'anno passato, potremmo ricavarne delle forze infinite per tornare ad Hashem e alla Sua Santa Torà.
(tratto anche dal libro Coraggio di Rav Besançon) 8 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ד Momenti di Halakhà
Domenica ןושאר םוי Regole di Kippur
•Il giorno di Kippur è il giorno nel quale ci puliamo da ogni pec- Dobbiamo sapere che non è proprio cosi, infatti i peccati tra una persona e il suo prossimo non vengono annullati fino a che essa non chiede scusa a colui verso il quale ha mancato.
•Questioni di soldi o di qualsiasi genere vanno assolutamente ri- solte prima di kippur: infatti è scritto che yom Kippur annulla i peccati tra noi e Kadosh Baruchù, ma non annulla i peccati nostri contro il nostro prossimo.
•Se la persona con la quale si è avuto un litigio non accetta le scu- se la prima volta, bisogna tornare da lui una seconda e una terza volta ed ogni volta si portino con sè tre persone. Se anche dopo la terza volta non vengono accettate le scuse, non si è più tenuti a tor- narci. Se la persona contro la quale si è peccato è il proprio rabbino o è un'altra persona grande in Torah, bisogna tornare a chiedergli scusa anche mille volte, finchè non le accetta.
•Ogni persona è obbligata la vigilia di yom Kippur a chiedere scusa ai propri genitori per ogni volta che ha peccato contro di essi e ogni persona che non lo fa è come se mancasse loro di rispetto, com- mettendo perciò una grave trasgressione.
•Se il figlio non viene a chiedere scusa è bene che il genitore lo perdoni dentro di sè; così anche marito e moglie è bene che si chie- dano scusa l'un l'altra.
•E' bene che ogni persona dica esplicitamente di perdonare qual- siasi altro che abbia peccato contro di lui, per qualsiasi questione, sia per soldi che per onore, perchè questa è la caratteristica degli ebrei: perdonare coloro che peccano contro di noi senza porta- re rabbia o rancore.
9 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ה Momenti di Musar
Lunedì ינש םוי La differenza tra il giusto e il trasgressore è che il giusto conosce le sue capacità e le sfrutta. Quanto al trasgressore ignora la sua forza e si per- mette di allontanarsi completamente, rinunciando alla via della vita eterna. La verità è che ogni anima ebraica contiene delle risorse immen- se e il debole non è altro che colui che ignora la sua forza.
Questa falsa modestia che consiste nel dire "non sono all'altezza" non è che una cattiva astuzia destinata a farci disertare dal ritorno a D-o completamente. Essa nasconde, inoltre, un vero e proprio orgoglio: quello di rifiutare di servire D-o nella difficoltà e senza gran trionfo. Il giusto è colui che mira senza tregua ai più alti gradi, senza pertanto abbandonare tutto se si trova oggi ai più bassi livelli. Apparentemen- te sembra essere contraddittorio parlare insieme di "giusto" e di "livelli bassi". Tuttavia si deve capire che non c'è zadik che non sia arrivato alla sua completezza senza essere caduto migliaia e migliaia di volte, discese dalle quali è risalito.
Per trovare il coraggio per ravvivare la nostra motivazione per tornare al compimento completo della Torà e delle mizwot, siamo obbligati ad ab- bandonare lo spirito critico! La via del giudizio porta alle prigioni della collera e della disperazione.
L'abitudine di smontare tutto, di criticare tutto, di demolire tutto è mol- to radicata ai nostri giorni. Nella sua radice profonda essa proviene da Esaù, il padre del mondo occidentale. Così anche se per migliorare la nostra vita, per trovare del coraggio, cessiamo di guardare il male, nel lato buono che vedremo appariranno subito delle macchie e dei difetti. È un automatismo. Rabbi Nachman ci avverte di questo e ci invita a continuare. Il lato, il punto positivo non è perfetto, non è completo? Cerchiamo ancora. Non è possibile che in fondo, in fondo non splen- da la luce del bene puro. Concentriamoci allora su questo, soltanto sul bene, sul lato buono delle cose, delle persone e delle nostre mizwot e della nostra piccola vicinanza a D-o.
Se smettiamo di cercare il difetto dell'altro e di noi stessi, il nostro mon- do cambierà colore. Vedremo apparire ciò che c'è di veramente bello nella creazione e nella vita. Questo ci darà forza di elevarci, d'agire e di (tratto anche dal libro Coraggio di Rav Besançon) 9 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ה Momenti di Halakhà
Lunedì ינש םוי Regole di Kippur
•E' bene immergersi nel mikve la vigilia di yom Kipur e questa im- mersione non ha bisogno di Berachà. Chi non ha la possibilità di immergersi stia sotto la doccia per qualche minuto in modo da far scendere sul proprio corpo 12 litri e mezzo di acqua, come abbiamo già spiegato nelle alchot di Elul. •Si prega Minchà prima "della seuda amfseket", il pasto che precede il digiuno. Finita l‘amida di Minchà prima di fare i 3 passi indietro si dice il "viddui", la confessione dei peccati, cosa che normalmente facciamo dopo aver terminato l' amida. Il chazan non torna a ridire il vidui dopo la ripetizione dell'amida. Questa particolarità di Min- chà è comunque presente su ogni libro di preghiera di yom Kippur, come Minchà della vigilia di yom Kippur.
•E' Mizvà abbondare nel mangiare e nel bere la vigilia di yom Kip- pur e anche le donne hanno questo obbligo; a priori è bene fare almeno un pasto con il pane.
•E' vietato digiunare la vigilia di yom Kippur.
•Ogni donna accende le candele in onore di yom Kippur e pri- ma dell' accensione benedice due Berachot: Baruch Atta A. E. Melech aolam asher kideshanu bemizvotav vezivanu leadlik ner shel Shabat veiom akipurim e dopo l' accensione benedice: Ba- ruch Atta A. E. Melech aolam shecheianu ve kiamnu ve highianu lazman aze. Dal momento che dice la Barachà entrano in vigore tutti i divieti di yom Kippur.
•E' una mizvà quella di vestire abiti belli e puliti in onore di yom Kipur; si metta una bella tovaglia sul tavolo come Shabat, e si met- tano sopra dei libri di torah.
10 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ו Momenti di Musar
Martedì ישלש םוי PREMIO E PUNIZIONE!
Ci avviciniamo al grande giorno di espiazione, Yom Kippur! Per far si che questo giorno abbia la sua efficacia, cioè di ripulirci dai peccati commessi durante l'anno passato, c'è bisogno di una con- dizione determinante: il ritorno. Cioè il pentirsi delle trasgressioni fatte, la correzione della strada che abbiamo percorso durante il tempo passato, e quindi l'accettazione su di noi di cambiarla cate- goricamente. Senza queste condizioni Kippur ha un valore molto parziale. Per raggiungere ciò uno degli aiuti che ci propongono i nostri Zadikim è quello di riflettere sul premio e la punizione delle mizwot, per farci così risvegliare, con l'aiuto di Hashem nella loro piena osservanza! È scritto nei Pirkè Avòt (2,17):" E' meglio un'ora di soddisfazione nel mondo futuro di tutte le soddisfazioni di questo mondo". I Ma- estri spiegano che anche se concentrassimo tutti i piaceri che ha avuto e avrà l'intera umanità, dalla Creazione fino alla fine dei gior- ni, ciò non sarebbe paragonabile neanche a un minuto del piacere che prova l'anima nel mondo a venire.
Viceversa, è anche scritto che nemmeno settant'anni di sofferenze come quelle di Iyòv sono paragonabili a quelle dell'anima in un'ora di Ghehinnòm.
Il fatto che il piacere e la sofferenza nel mondo futuro siano d'in- tensità molto maggiore di quanto lo siano in questo mondo va spiegato basandosi in parte sulle parole del Rambàn nell'opera To- ràt Haadàm, Shaar HaGhmùl.
Innanzitutto bisogna definire se il piacere e la sofferenza in questo mondo appartengano al corpo o all'anima.
Da una parte è impossibile dire che siano proprietà del corpo per- chè un cadavere non ne fa esperienza. D'altra parte non possiamo dire che appartengano solo all'anima perchè il piacere di mangiare o la sofferenza di una ferita riguardano il corpo. Dobbiamo quindi dire che, il piacere e la sofferenza appartengono essenzialmente all'anima, ma poiché essa si trova dentro il corpo, essi filtrano at- traverso di esso e non arrivano all'anima direttamente.
(tratto dal libro "Divrèi Yakov" di Rav Y. Ades) 10 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ו Momenti di Halakhà
Martedì ישלש םוי Regole di Kippur
•La sera di Kippur ha le stesse regole del giorno: è proibito mangia- re, bere, ungersi, lavarsi e indossare calzature di pelle.
•Tutte le melachot (lavori) che sono proibite di Shabat, sono proi- bite ugualmente di kippur.
• Tutti sono obbligati a digiunare: uomini, donne, donne incinta e donne che allattano.
•Una persona malata alla quale il dottore ha proibito di digiunare, non digiuni, anche se pensa di poterlo fare.
•Una donna che ha partorito 72 ore prima di yom Kippur, 3 giorni, non digiuna, anche se pensa di poterlo fare.
•Le persone che possono mangiare e bere di yom Kippur non pos- sono comunque farlo regolarmente. Devono farlo ad interruzione, in modo da non arrivare a mangiare la misura proibita in una sola •Per quanto riguarda il cibo si mangia 30 grammi per volta con in- terruzioni di 10 minuti, per il bere, 40 grammi per volta con inter- ruzione di 10 minuti.
•La persona che è costretta a mangiare fa netilat yadaim solo la pri- ma volta che mangia. Nella Birchat amazon si aggiunge l ‘aggiunta di "yale veyavo, be yom akipurim aze beiom selichat avon aze".
11 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ז Momenti di Musar
Mercoledì יעיבר םוי I PIACERI DEL MONDO FUTURO
Nel mondo futuro i piaceri sono diversi: la differenza essenziale è che giungono direttamente all'anima, senza passare per il corpo; così è riguar- do alla sofferenza, che colpendo direttamente l'anima è di maggiore in- Diamo un esempio per rendere l'idea della differenza tra la sofferenza diretta e quella indiretta: se un re, volendo punire un pecca- tore gli lasciasse scegliere tra cinque colpi di martello sulla mano nuda o cinquecento sulla mano ricoperta con uno spesso guanto grazie al quale non si sentono le percosse, certamente il colpevole ne sceglierebbe cin- quecento sulla mano coperta piuttosto che cinque sulla mano nuda.
Ramban nella sua opera Toràt Haadàm, Shà'ar Haghmùl, (per approfondimento vedasi il testo originale), scrive che come in questo mondo il fuoco brucia il corpo così nel mondo futuro esiste una realtà spirituale chiamata "fuoco", radice del fuoco terrestre, in grado di bruciare le anime (questo si intende quando si dice "fuoco del Gheinnòm": non si tratta dello stesso fuoco del nostro mondo).
Oltre la differenza di qualità tra la ricompensa nel Gan ‘Eden rispetto ai piaceri di questo mondo, vi è il ftto che essa è anche eterna.
Scrive a proposito il Ramchàl che la ricompensa del mondo futuro non è come il pagamento di un oggetto in questo mondo dal quale il compra- tore, una volta pagato, è ormai esentato; lì anche se già si è ricevuta una ricompensa tante volte maggiore rispetto alle mitzvòt eseguite, si conti- nua a riceverla essendo appunto eterna. Ancora di più, la ricompensa è in crescita continua poichè grazie alla sacra e spirituale essenza di questa, l'animo si raffina sempre di più rendendosi maggiormente meritevole.
Nonostante sia preferibile eseguire le mizvòt e non trasgredirle per amor del Cielo e non per il timore della punizione, tuttavia sicuramente ognu- no necessita anche di questo timore e di essere consapevole della grande ricompensa che si avrà per l'osservanza delle mitzvòt: sono queste delle importanti chiavi per salvarsi dalle tentazioni dell'istinto; il calcolo da fare quindi è che ogni volta che ci si astiene dal compiere una mitzvà o si fa una trasgressione, non ci si guadagna nulla, perchè ogni guadagno in questo mondo è niente rispetto ad un qualcosa della ricompensa nel mondo fu- (tratto dal libro "Divrèi Yakov" di Rav Y. Ades) 11 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ז Momenti di Halakhà
Mercoledì יעיבר םוי Regole di Kippur
•E' proibito lavarsi di yom Kippur. La mattina, quando ci si sveglia, si fa netilat yadaim (il lavaggio delle man) stando attenti a bagnare solo le dita, senza bagnare l'intera mano.
•La proibizione del lavarsi vale solo per un lavaggio di piacere; se invece si è sporcata una parte del corpo, la si può pulire.
•È proibito indossare scarpe di pelle, sia per gli uomini che per le •È vietato ungersi di yom Kippur, sia con olio sia con altre creme.
•E' permesso odorare un buon profumo di yom Kippur, bisogna stare attenti a recitare la giusta Berachà in modo da aggiungere una Mizvà a questo grande giorno.
•E' proibito avere rapporti con la moglie. È una buona usanza quella di usare in questo giorno le stesse norme che si usano du- rante il periodo mestruale della donna, evitando i contatti fisici.
12 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ח Momenti di Musar
Giovedì ישימח םוי Molte persone arrivano a Kippur con una sensazione di paura e timore e una volta passato questo giorno, si sentono come sollevati da un peso. In realtà la ghemarà ci insegna esattamente l' oppo- sto. E' scritto nel trattato di Taanit: "ha detto Rabbi Shimon ben Gamliel, non ci sono giorni felici per il Popolo di Israele come Yom Kippur". Che ha di cosi felice il giorno di Kippur? Ce lo spiega la ghemara stessa. In questo giorno veniamo puliti da tutti i nostri peccati, in questo giorno ci ripuliamo completamente! L'approccio a questo giorno deve essere un approccio gioioso, poi- ché il Padrone del Mondo ci dà la possibilita' di rimediare a tutte le nostre azioni e ricominciare daccapo! Tuttavia pero' spetta anche a noi pentirci e fare un ritorno sulle vie della Torah e delle Mizvot. "KI BAIOM AZE IECHAPPER ALECHEM LETAER ETCHEM MI- KOL CHATOTCHEM LIFNEI A. TITARU" (Poiche' in questo giorno vi espiera', Vi purificherete da tutti i vo- stri peccati davanti ad ASHEM vi purificherete).
Questo e' un verso che diciamo molte volte durante il giorno del Kippur; il rebbe di Belz lo commenta dividendolo in due parti:"ki baiom aze iechaper" (poiche' in questo giorno espiera') nel senso che Kadosh Baruchu fa la sua parte espiando, ma "alechem Letaer etchem mikol chatotchem lifne A. Titaru"( voi vi purificherete da ogni Vostro peccato, davanti ad Hashem Vi purificherete) ma sta a voi purificarvi da ogni vostro peccato. KAdosh Baruch ci espia a priori, ma solo con il nostro pentimento e la nostra Teshuva, ci possiamo purificare completamente davanti al padrone del mon- Tratto da "5 dakot torah baiom" 12 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ח Momenti di Halakhà
Giovedì ישימח םוי Regole di kippur
•La sera si indossa il Talet quando è ancora giorno, così da poter pregare con più concentrazione. Prima di indossarlo si recita la Be- rachà. Se è già notte non si recita la Berachà.
•Ogni persona è obbligata a pentirsi in questo giorno per i peccati fatti durante l' anno, sia uomini che donne.
•È bene studiare Torah e leggere Tehillim in questo giorno, evitan- do chiacchere futili.
•All'uscita di kippur si recita l' Avdala', recitando la Berachà sul vino e sulla candela, senza i profumi.
•All' uscita di kippur si recita con gioia la Birchat alevanà, la bene- dizione della luna, come ogni mese.
•Si mangia e si beve con gioia alla fine di yom kippur. Dopo aver mangiato e bevuto è una bellissima usanza quella di iniziare la co- struzione della Sukka'.
•Non si dice il tachanun per tutto il mese di Tishri, fino a dopo Rosh chodesh Shvat.
13 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ט Momenti di Musar
Venerdì ישיש םוי
Kippur
Nel corso dello Shabbat "Haazinu", che cade tra il digiuno di Kip- pur e la festa di Sukkot, si ritrovavano ogni anno intorno alla tavola di Rabbi Simcha Bonim di Pshischa molti suoi discepoli, trascor- rendo le festività ebraiche di inizio anno insieme allo Tzaddik. Du- rante il pasto sabbatico Rabbi Simcha Bonim tenne un discorso di Torah menzionando, tra le altre cose, il quinto verso della parashà di Haazinu: "La distruzione non è una Sua attitudine, ma rappre- senta il peccato dei Suoi figli, una generazione ostinata e contorta" (Devarim 32, 5). "Per molti anni – disse Rabbi Simcha Bonim ri- volgendosi ai suoi discepoli – non sono riuscito a comprendere la ragione per cui Moshè Rabbenu ha posto l'accento sul fatto che gli ebrei peccatori, oltre ad essere "ostinati", sono anche "contorti", fino a che non mi sono trovato un giorno a trascorrere uno Shabbat nel- la città di Danzica (Polonia), sul mar Baltico. In quell'occasione mi sono imbattuto, durante la sera di Shabbat, in una locanda presso cui lavoravano due camerieri: uno cristiano e l'altro ebreo. Uno de- gli ospiti chiese al padrone del locale che gli venisse servita al tavolo una bottiglia di pregiato vino kasher "non mevushal" (non cotto), e così questi ordinò ai suoi due camerieri di scendere in cantina per prendere il vino richiesto. Quando i due camerieri tornarono dalla cantina mi accorsi che la bottiglia di vino era nelle mani del cristia- no, mentre la torcia utilizzata per illuminare la strada era portata dall'ebreo: in quel momento ho realizzato che se i due avessero in- vertito i rispettivi compiti, portando l'ebreo il vino kasher ed il non ebreo la torcia, tutto sarebbe stato conforme alle leggi ebraiche. I due camerieri hanno invece "contorto" le cose, cosicché il vino, a se- guito del contatto con il non ebreo, era divenuto non kasher, mentre l'ebreo, avendo trasportato la torcia, aveva profanato pubblicamen- te lo Shabbat. Lì ho finalmente compreso le parole di Moshè Rabbe- nu riferite a quegli ebrei che infrangono le leggi della nostra Santa Torah: "una generazione ostinata e contorta"…". 13 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'ט Momenti di Halakhà
Venerdì ישיש םוי REGOLE DI SHABBAT
DOMANDA: Si può andare in bicicletta o mezzi simili di shabbat RISPOSTA :È proibito andare in bicicletta durante lo Shabbat an- che nel caso in cui ci sia un eruv chatzerot. Tale proibizione vale anche per i bambini.
A meno che non vi sia un uso locale contrario, si può permettere ad un bambino di andare sul triciclo in casa o fuori di casa in un luogo in cui ci sia un valido eruv chatzerot, purchè tale triciclo non sia elettrico e non abbia le ruote gonfiabili. Ciò vale anche per il monopattino (skateboard) o i pattini (roller-blade).
Un paio di raccomandazioni: è preferibile togliere il campanello prima di Shabbat per evitare che il bambino lo suoni. Nel caso in cui vi sia un guasto (per esempio il triciclo abbia perso una ruota) non è permesso ripararlo e il triciclo rotto diventa mukze.
Tra le varie spiegazioni sul perchè sia proibito andare in bicicletta di Shabbat, seguono due. La prima è che si vuole prevenire che in seguito ad un guasto si ripari la bicicletta. La seconda è che si tratta di un'attività non confacente lo Shabbat.
DOMANDA. Posso pettinare i capelli di Shabbat? E tagliare le un- RISPOSTA. Se si tagliano capelli, unghie e pellicine di Shabbat si trasgredisce la melachà di gozez (tosare). Tale melachà si applica a tutte le parti del corpo che ricrescono. Va comunque ricordato che è una mitzvà tagliare unghie e capelli venerdì in onore dello Shabbat.
Capelli. È proibito dalla Torà tagliare i capelli con le forbici (o con un altro strumento), a mano o con i denti. Ciò vale anche per bar- ba, ciglia, sopracciglia e altri peli che coprano il corpo. Per lo stesso motivo è proibito usare creme depilatrici o fare la ceretta (continua (Il testo e' stato tratto dal blog internet di Michael Cogoi, http://mikeamchaisrael.blogspot.co.il/ ) 14 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'י Momenti di Musar
Sabato תבש םוי L'ULTIMA TEFFILLA DI YOM KIPPUR, PRIMA DELLA TEFFILA' DI ARVITH, E' QUELLA DI NEILA'. LA TEFILLA' DI NEILA' E' UN MOMENTO MOLTO IMPORTANTE DI QUESTA GIORNA- TA. ANCHE LE RICHIESTE CHE NON HANNO LA POSSIBILITÀ' DI ESSERE ACCOLTE DURANTE L' ANNO, DURANTE NEILA', VENGONO ACCOLTE. E' UN MOMENTO NEL QUALE RAG- GIUNGIAMO UN GRANDE LIVELLO SPIRITUALE CHE VIENE CHIAMATO NEL LINGUAGGIO KABALISTICO IL MONDO DEL KETER (DELLA CORONA).
CAPIAMO MEGLIO IL CONCETTO CON UN ESEMPIO: UN FI- GLIO DI UN RE SI AMMALA DI UNA MALATTIA MOLTO RARA, NESSUN MEDICO TROVA LA CURA PER GUARIRLO, SE NON QUELLA DI DARGLI DA MANGIARE IL DIAMANTE INCASTO- NATO NELLA CORONA DEL RE, FATTO DI UN PARTICOLARE MATERIALE. UNA VOLTA PRESO IL DIAMANTE, DOPO AVER- LO RESO LIQUIDO, PROVANO A DARLO DA BERE AL BAMBI- NO, CHE PERO', NON VUOLE ASSOLUTAMENTE APRIRE LA BOCCA. I GENITORI PROVANO A CONVINCERLO, ANCHE UN SOLO SORSO POTREBBE SALVARGLI LA VITA, MA NIENTE, IL BAMBINO NON APRE LA BOCCA.
COSI KADOSH BARUCH STA DAVANTI A NOI NEL MOMEN- TO DI NEILA'. DOPO AVERCI FATTO RAGGIUNGERE QUESTO LIVELLO SPIRITUALE INCREDIBILE, VORREBBE CHE NOI UR- LASSIMO E PREGASSIMO CON LA MASSIMA KAVANA', CHE CHIEDESSIMO CIO' CHE CI SERVE, VORREBBE CHE NOI APRISSIMO LA BOCCA! MA NOI SIAMO STANCHI, ABBIAMO DIGIUNATO TUTTO IL GIORNO, NON ABBIAMO LE FORZA, NON APRIAMO LA NO- STRA BOCCA. PER QUESTO DOBBIAMO STARE MOLTO AT- TENTI A QUESTA TEFILLA', PERCHE' DA QUESTA DIPENDE TUTTO IL NOSTRO ANNO. ANCHE SE SIAMO STANCHI, DOB- BIAMO FARCI FORZA E NON PERDERE QUESTO MOMENTO PERCHE' SE NON ORA, QUANDO? TRATTO DA (discorsi di Rav David Pinkus su Elul/Iamim Noraim) 14 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'י Momenti di Halakhà
Sabato תבש םוי REGOLE DI SHABBAT
(prosegue da ieri) Se si pettinano i capelli con un pettine o una spazzola che abbiano i denti fitti, anche se l'intenzione è quella di avere i capelli in ordine e non di tagliarli, inevitabilmente si stac- cano alcuni capelli e si trasgredisce la melachà di gozez. Tali pettini e spazzole sono quindi mukze ed è proibito spostarli di Shabbat.
Se si pettinano invece i capelli con un pettine con i denti radi o una spazzola con i denti soffici, i capelli non si staccano e pertanto è permesso farlo di Shabbat.
Dato che pettinarsi o spazzolarsi i capelli è un'attività che si com- pie in modo identico durante la settimana ("uvdin de-chol") è bene designare un pettine o spazzola da usare solo a Shabbat. (SSK 14, Unghie e pellicine. Se di Shabbat si tagliano le unghie con le forbici o con altri strumenti, si trasgredisce la melachà di gozez. Se lo si fa con le mani o con i denti si tratta di una trasgressione derabbanan (stabilita dai Maestri z.l.) dato che non è il modo normale di ta- gliarle. È proibito anche togliere le pellicine che si trovano attorno alle unghie o in altre parti del corpo. Se però la maggior parte di un pezzo d'unghia (per esempio tra- sversalemte) è già staccato e ciò dà fastidio è permesso toglierla in un modo inusuale ovvero con le mani. (SSK 14, 60 n.ed.). Si faccia attenzione a non far uscire del sangue per non trasgredire la mela- chà di shechità. Va comunque detto che chi ha la cattiva abitudine di mangiarsi le unghie durante la settimana quasi sicuramente lo farà anche di Shabbat. Per questo Rav Shimshon Pinkus z.z.l. lo chiamava "chil- lul Shabbat be-chol" ovvero trasgredire lo Shabbat durante la set- (Il testo e' stato tratto dal blog internet di Michael Cogoi, http://mikeamchaisrael.blogspot.co.il/ ) 15 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'אי Momenti di Musar
Domenica ןושאר םוי
I 4 MINIM
In queste splendide giornate di preparativi per la solenne festa di Sukkot, tutto il popolo ebraico è preso nella ricerca meticolosa delle 4 specie per la mizwà del lulav. Nondimeno dobbiamo prepararci spiritualmente e capire qual è uno dei significati profondi di questa particolare mizwà.
Come risaputo il lulav è composto da 4 specie ETROG-LULAV-ARAVA'- ADAS cioè il cedro, la palma, il salice ed il mirto. I nostri saggi maestri ci hanno insegnato che ogni specie è corrispondente ad una categoria del popolo d'Israele. L'etrog profumato e saporito si identifica con colui che è sapiente di Torà (sapore) e compie le mizwot (profumo). Il lulav la palma che cresce i frutti ma non ha odore, corrisponde a colui che è studioso di Torà ma non compie le mizwot. L'adas non ha frutti ma profuma, si ricollega con colui che adempie ai precetti ma non studia Torà. E l'aravà il salice è inodore e non ha frutti, corrispondente a colui che non rispetta le mizwot e non studia Torà. È riportato sul talmud e nella alachà che è mizwà legare le 4 specie (non di Yom Tov) con un nodo stretto e ben saldo, e poi compiere il precetto di Hashem. Questo ci viene ad indicare la volontà di Hashem: così come lo studioso ed osservante deve sentirsi vicino ed amare colui che è lontano dalla Torà e dalle mizwot e sforzarsi di avvicinarlo sotto le "ali" del S. D.o, lo stesso chi è lontano dalla Torà e dalle mizwot deve sentirsi, se solo vorrà acquisirlo, che Hashem gli riserva un posto importante tra le sue braccia, nell'abbraccio della sukkà, chiamata dai chachamim "l'ombra dell'emunà".
Un ulteriore messaggio che ci danno gli "arbaat amminim" è legato ai gior- ni appena scorsi di Rosh Hashanà e Kippur. Le 4 specie stanno a rappre- sentare 4 organi principali del corpo umano: Il cedro il cuore, la palma la spina dorsale, il mirto gli occhi ed il salice la bocca. Dopo che siamo tor- nati ad Hashem e ci siamo ripuliti dalle colpe commesse a kippur, a sukkot prendiamo il lulav e lo offriamo ad Hashem, scuotendolo in tutte le dire- zioni, dichiarando che la nostra completa struttura fisica è esclusivamente per il servizio di D. (lulav). La nostra bocca la impieghiamo per pregare ed elogiare Hashem, conservandola dalle trasgressioni. I nostri occhi per stu- diare Torà e non chash veshalom per utilizzarli per vedere cose proibite. Ed il nostro cuore, centro delle emozioni, è diretto al servizio di Hashem, ad amarLo e servirLo con tutto il nostro cuore e con tutta la nostra anima.
Che Hashem ci guidi verso la pace e l'unità nel popolo ebraico e ci permet- ta di servirLo con tutta la nostra essenza Amen! (Sichà di Rav Yakov Exter) 15 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'אי Momenti di Halakhà
Domenica ןושאר םוי REGOLE GENERALI SUI 4 MINIM – SPECIE
La maggior parte dei 4 minim, che si trovano in commercio sono perlomeno ksherim per recitarci la berachà (questo non esclude l'obbligo di accertarsi dell'idoneità minima necessaria per eseguirci la mizwà). Tuttavia come consuetudine del popolo ebraico, è bene ricercare tutte le 4 specie più meuddarim – belli che si possano trovare. Per questo riportiamo qui i punti generali che ognuno di noi si dovrà sforzare ad attenersi per procurarsi un lulav più meud- dar possibile. Non vengono riportate qui le regole che invalidano completamente i 4 minim essendo queste troppo complesse per scriverle brevemente in questo opuscolo.
ETROG – CEDRO: Più l'etrog è "pulito" da qualsiasi tipo di mac- chia, più questo sarà considerato meuddar.
- Sul "chotem" dell'etrog, vale a dire tutta la parte che và dall'inizio del declivio superiore fino alla "pitmà"- picciolo (per capirsi il lato opposto da dove è attaccato all'albero), deve essere completamente privo di macchie, persino come la grandezza di una punta di spillo (nel caso ci siano delle imperfezioni in questa parte dell'etrog si chieda ad un Rav esperto e timoroso di D. se questo sia perlomeno kasher e non meuddar). Per fare questo controllo non si deve usare una lente di ingrandimento, basta tenerlo in mano ad una distanza di circa 10-20 cm.
-Beato colui che si procura un etrog privo completamente dei "Blet-blach" , quei segni di color beige-marroncini causate dallo sfregamento dell'etrog sulle foglie o simili, durante la sua crescita -E' bene che la sua superficie non sia liscia come quella del limone, bensì increspato omogeneamente su tutto l'etrog.
-"L'okez" – stelo (la parte al di sotto dell'etrog dove è attaccato all'albero) è bene che sia incavato.
- La forma dell'etrog deve essere il meno possibile rotonda.
-La "pitmà" sia intera e spunti al centro dell'etrog, e sia perpen- dicolare all'okez (vedi sopra il significato di questi 2 termini). È preferibile che l'etrog abbia un po' di "pitmà", piuttosto che ne sia 16 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'בי Momenti di Musar
Lunedì ינש םוי RACCONTI SUGLI ZADIKIM
IL GAON DI VILNA: ai tempi del grande Rabbino il Gaon di Vilna, in tutta la sua zona, ci fu una scarsità di mirti per compiere l'importante mizwà del lulav. Allora il suo aiutante iniziò a cercarli in tutta la regione, finché passò davanti ad una finestra che era piena di cespi di floridi adassim. Allora bussò e chiese alla padrona di casa se potesse comprare un po' di quei bei mirti. La donna rifiutò sgarbatamente. Lo shammash non sapendo come convincerla gli rivelò che i mirti erano per il grande Rabbino il Gaon di Vil- na, famoso per la sua saggezza e le sue virtù anche presso i goim. Appena sentito che i suoi mirti erano per il Gaon, la signora acconsentì subito a dargli un bel mazzo, ma ad una sola condizione, impose la donna: senza pagamento e che il merito della mizwà andasse completamente a lei. Sen- za scelta, lo shammash acconsentì alla richiesta e portò senza indugio quei belli adassim al grande rabbino. Quando lo shammash gli raccontò l'acca- duto, il grande Maestro esclamò pieno di gioia:"Tutto quello che desidero è di fare al volontà di Hashem e non di ricevere la ricompensa!". I discepoli del Gaon testimoniarono che quell'anno il Rabbino gioì della mizwà del lulav più degli altri anni. Ed esclamava continuamente: "Finalmente posso adempiere ad una mizwà solo per l'onore di Hashem e non per ricevere il premio!" (vedi le Massime dei Padri 1;3) LO STAIPLER: Uno dei famigliari dello Staipler racconta: 15 anni ho vis- suto in casa del Rav e non mi hai mai chiesto persino di portagli un bic- chiere d'acqua, dichiarando: "tutto ciò che posso fare da solo, non voglio affatto scomodare il prossimo, persino i miei nipoti!". Ogni volta che era obbligato a chiedere una cortesia, dopo mi ringraziava affettuosamente con profonda gratitudine.
Un giorno, prima di sukkot, gli portai a far scegliere 3 tra 6 bellissimi adas- sim, e gli altri 3 che avrebbe scartato li avrei presi io. Subito mi chiese di sceglierli prima io dal momento che ero io ad essermi adoperato a portarli. Ma raggirai la domanda facendogli capire che già avevo comprato degli altri adassim. Dopo una lunga selezione ne scelse 3 dai 6, ma capì subito che io stesso non avevo ancora dei adassim per la mizwà. Allora si rifiutò di prendere i 3 adassim più belli supplicandomi di prenderli io e lui avrebbe preso gli altri 3. Poi mi disse che la sua gioia nel fare la mizwà non sarebbe stata completa se l'avesse fatta a scapito di un altro. Quando acconsentii i suoi occhi brillarono di contentezza e mi ringraziò con tutto il cuore. Lo Staipler (Rav Yakov Kanievsky) in tutta la sua vita, quando gli portavano le 4 specie a far scegliere non prendeva mai per lui i più belli a discapito di chi li avesse portati! (tratto dal libro "4 minim lemeadrin") 16 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'בי Momenti di Halakhà
Lunedì ינש םוי REGOLE GENERALI SUI 4 MINIM – SPECIE
(vedi l'introduzione di ieri che abbiamo scritto su queste regole) LULAV – PALMA : Nel lulav ci sono tre parti fondamentali che vanno co- nosciute per capire al meglio le sue regole: 1) La "shidrà"- la spina dorsale del lulav, da dove fuoriescono le foglie. Questa la si può vedere guardando la parte liscia da un lato del lulav. 2) La "tiomet" la foglia o le 2/3 foglie, che escono dalla testa della shidrà. 3) Le foglie del lulav. Tutte le foglie compre- sa la tiomet sono formate da 2 foglie una sull'altra -Tutte le foglie del lulav siano fresche e verdi.
-Sia ritto come un bastone, senza nessun tipo di inclinazione, e le foglie siano aderenti alla shidrà.
-Non sia recisa affatto la/e "tiomet", anche minimamente. E non sia aperta (essendo composta da due foglie) su tutta la sua lunghezza, persino in minima parte.
-E' preferibile prendere un lulav con una sola tiomet e non 2 o 3(sono dif- fusi i lulavim con più di una) -ADAS – MIRTO = Le sue foglie siano fresche e verdi senza nessun segno -L'adas è composto di sua natura da una serie di 3 foglie su ogni fila (chia- mato ken) che si susseguono per tutta la sua lunghezza. Su ogni ken per essere considerato "meuddar", deve averne tutte e 3 sulla misura di 3 tefa- chim (24 cm o 30cm secondo l'opinione più rigorosa).
-Si prenda un adas un po' più lungo della misura minima di 3 tefachim, per far sì che nel caso cadano delle foglie rimanga perlomeno la maggior parte della sua lunghezza "avut" 3 foglie su ogni "ken".
-Le foglie siano della grandezza dell'unghia del pollice.
-Le foglie siano erette ed aderenti al suo gambo, al punto che lo nascon- ARAVA' – SALICE : Le sue foglie siano allungate e non arrotondate, bensì come la forma della bocca. Il suo fusto sia di color rosso.
-Se c'è la possibilità si prenda l'aravà con il "livluv", la foglia che esce dalla testa del suo fusto.
-Le sue foglie siano fresche senza nessun segno di secchezza.
-E' bene prendere l'"aravà" che cresce in riva ai fiumi.
-Il miglior modo di compiere la mizwà dell'aravà, è che tutte le foglie della lunghezza d'obbligo (3 tefachim) siano integre.
(Alachot tratte dal libro "Echal Oràa di Rav Meir Brandsdofer) 17 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'גי Momenti di Musar
Martedì ישלש םוי Gioia, piacere ed esilio a Sukkot
Per quale ragione durante il Seder di Pesàch il figlio più piccolo domanda "ma nishtanà ha-làila zè mikol alelòt" - "Perchè questa sera è così diversa dalle sere di tutto l'anno?" mentre la sera di Sukkòt pur abbandonando le nostre dimore per vivere in capanne non si porge questa domanda? Il "Korban Pesach" spiega che non è il caso di domandare "ma nishtanà ha- làila zè" di Sukkòt perchè purtroppo da secoli il popolo d'Isrele è abituato a dover sportarsi da un posto all'altro senza avere una dimora fissa. La sera del seder di Pesàch invece è un avvenimento speciale dove ci sediamo tutti insieme ad un tavolo pieno di benedizione del S. come un re durante un suo banchetto.
Nello Shulchan Aruch (siman tav-resh-mem) è scritto: "Chi soffre per il fatto che sta nella Sukkà è esente da ciò", da cio' possiamo dedurre che l'abitare nella Sukkà deve essere per noi un godimento ed un piacere.
Il Ramba"m nel Mishnè Torà scrive: ". anche se in tutti i moàdìm è mizvà essere felici, durante la festa di Sukkot'' nel Beth Amikdash, Santuario di Gerusalemme, c'era una felicità superiore, come è scritto: "e sarete felici di fronte al S. vostro D. sette giorni." quindi è mizvà abbondare in allegria".
Tutto ciò però si contraddice con le parole dei Maestri z"l che vedono nella mizvà della Sukkà anche un allusione all'esilio del popolo d'Israele.
Il "Meshech Chochmà" (parashat Emor cap.23 v.52) spiega che esistono due tipi di Mizvòt: quelle che condono l'uomo contro la sua natura, e quel- le che invece purificano soltanto la sua natura. Il primo esempio è quello della Sukkà. Dopo che l'uomo ha lavorato il suo campo tutta l'estate, arando, seminando, mietendo ed infine raccogliendo i suoi frutti, nel mese di Tishrì, il periodo in cui dovrebbe riposarsi in casa, godendo dei suoi sforzi, proprio allora la Torà comanda di abbandonare la nostra dimora fissa e di spostarci uin una capanna precaria. Tutto ciò e contro la natura dell'uomo! Il secondo esempio è quello del Lulav. Questa mizvà che si compie con quattro specie, non è contro la natura dell'uomo, anzi è uso nel mondo che dopo aver lavorato un estate intera nel campo, si goda del proprio raccolto. La Torà però ci comanda di prendere proprio quattro specie, secondo la volontà Divinà, purificando la natura dell'uomo attraverso la mizvà.
Il Meshech Chochmà poi aggiunge che esiste una grande differenza tra queste due mizvot. La Sukkà dal momento che conduce l'uomo contro la sua natura, ha bisogno di una preparazione speciale, per esempio non si può eseguire la mizvà in una Sukkà che era già pronta tutto l'anno.
CONTINUA IL 20 DI TISHRI 17 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'גי Momenti di Halakhà
Martedì ישלש םוי
REGOLE E USI SULLA NETTILLAT LULAV
Utilizzo del Lulav durante Sukkot La benedizione sul lulav -Ogni mizwàh precetto prima di compierla è necessario benedire, e subito dopo si passa a farla. Così anche sulla mizwàh del lulav bediavad a posteriori se ha di- menticato la berachàh può benedire anche dopo, a patto che non sia ancora arrivato alle Hoshanot, ma se le ha già terminate, non gli è permesso dire la berachàh in quel giorno. Allo stesso modo, se solleva più volte durante la giornata il lulav, dopo che ha detto la berachàh una volta, non può tornare a ripeterla (TH2 17.1).
-La benedizione è: Baruch Attà H' Elo-enu Melech Ha'olam Asher Kiddeshanu Be- mitzwotav Veziwanu ‘Al Nettillat Lulav.
-La prima volta che usa il lulav quell'anno benedice anche Sheechejanu. (TH2 17.2) Baruch Attà H' Elo- enu Melech Ha'olam Sheechejanu Vehikkimanu Vehigghianu lazeman hazè.
-E' necessario stare in piedi nel momento della berachàh e nel momento in cui si nettillat lulav sollevamento il lulav. (TH2 17.3).
-Se non aveva il lulav, e glielo hanno portato solo durante l'Hallel, interrompa tra i capitoli, benedica e lo scuota, poi prosegua nella lettura da dove ha interrotto (TH2 Come si fa la Nettillat Lulav?
-Per compiere la mizwàh è necessario che le 4 specie ci siano tutte, secondo le rego- le relative, altrimenti non esce dall'obbligo della mizwàh. (TH2 17.5) -Si sollevi il lulav prima senza etrog cedro con la mano destra, si benedica e poi si sollevi l'etrog con la mano sinistra. -Nel caso si debba benedire anche sheechejanu (vedi sopra), si faccia subito dopo la benedizione sul lulav. -Si stia attenti che il pittam picciolo sia verso l'alto. Si avvicini quindi al lulav e si scuota come riportato successivamente.
-C'è anche chi usa prendere l'etrog rovesciato nella sinistra prima della benedizione e lo rovescia dopo.
-La via preferibile è la prima, ma sicuramente non si è qui per fare cambiare usanze, se sono secondo la halachàh (TH2 17.6).
-Un mancino faccia come fanno tutti, gli ashkenaziti però usano in questo caso, invertire le mani.
-Bediavad a posteriori la cosa non impedisce l'uscita dall'obbligo della mizwàh, ma è bene che torni a farla come dovrebbe senza tornare a benedire. Gli ambidestri secondo tutte le opinioni fanno come tutti ossia con la mano destra (TH2 17.7).
18 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'די Momenti di Musar
Mercoledì יעיבר םוי SIAMO TUTTI OSPITI
Uno degli insegnamenti che ci vuole indicare la festa di Sukkot, e che ci deve accompagnare per tutta la nostra vita, è che noi tutti siamo ospiti in questo mondo. Gli anni della persona, scrive il re David nei Salmi, sono 70 e per i più sani 80, e nonostante tutto non restiamo qui per l'eternità! È famoso il racconto del Chafez Chaim che ricevette la visita di un magna- te dell'epoca, e si sbalordì nel vedere la casa del più grande rabbino della generazione in quelle condizioni. Il pavimento non curato, i mobili della casa fondati semplicemente da delle scatole di frutta e verdura. Il ricco gli chiese esterrefatto la ragione di quella scarsezza, specialmente in una casa del più grande Rabbino dell'epoca. Allora il Chafez Chaim gli rispose: "Tu nei tuoi viaggi prendi con te tutta la tua bella casa? Sicuramente no!" Continuò il Rav. "Prendi con te solo il minimo indispensabile per l'occor- renza; lo stesso vale per la vita in questo mondo, ci si deve servire solo delle minime necessità nel percorrere il nostro viaggio verso la nostra dimora In realtà se tenessimo a mente in fondo che tutti noi siamo solamente ospiti di passaggio in questo mondo transitorio, ci comporteremmo in conformità e troveremmo senz'altro, al termine di questo cammino, una reggia sfarzosa ad accoglierci per sempre.
E' proprio questo uno dei concetti che dobbiamo apprendere nella festa di Sukkot: quando usciamo dalle nostre case ben stabili per entrare nelle Sukkot simbolo di precarietà, ci dobbiamo ricordare e persuadere i nostri cuori a riconoscere la pochezza ed il valore reale di questo mondo prov- visorio. Dunque, raggiunta questa consapevolezza sarà più facile anche sentirsi rispettosi al "Padrone di casa" il Santo Benedetto Egli Sia.
Hashem non ci chiede di essere il Chafez Chaim, di vivere una vita al suo livello, con la sua stessa casa, il suo stesso cibo, i suoi stessi vestiti, ma quello che sicuramente si aspetta da noi, è che il nostro modo di "vivere" la materialità, sia con una concezione di provvisorietà. Ci dobbiamo chiede- re: investo di più i miei soldi, il mio pensiero, la mia preoccupazione nello scegliere un lulav (patrimonio eterno) o nel comprare un paio di scarpe (patrimonio effimero)? Mi entusiasmo di più nel ricevere il Santo Shabbat o ad andare alla partita allo stadio? Che Hashem ci apra i cuori per capire in cosa vale veramente investire in questo mondo! Chag Sameach! (tratto dal libro "Netivè Or" di Rav Nissim Yaghen) 18 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'די Momenti di Halakhà
Mercoledì יעיבר םוי -Chi ha i guanti deve toglierseli prima di compiere la mizwàh e in caso non li abbia tolti c'è chi dice che non ha compiuto il precetto. Se si ha un anello, è bene rimuoverlo prima di benedire. In ogni caso secondo il din stretto si esce d'obbligo anche se non lo si è rimosso. ( TH2 17.8).
-Anche se secondo il din stretto basta sollevare il lulav (e l'etrog) per uscire d'obbligo, è necessario anche effettuare il "ninua". Per "ninua" s'intende il por- tarli avanti ed indietro verso l'esterno, ripetendo tre volte per ogni direzione. In ogni caso l'ordine non è fattore impedente per l'uscita dall'obbligo. -Dei diversi usi sull'ordine, ne riportiamo qui un paio: (TH2 17.9).
1. Est, ovest, nord, sud, sopra e sotto. Non si scuota con forza, bensì con
2. La maggior parte dei sefaraditi usano seguire questo diverso ordine secondo Rabbenu Arizal: sud, nord, est, sopra, sotto, ovest. Quando si effettua il "ninua" verso il basso, non si rivolge la punta verso il basso, ma semplicemente si abbas- sano le mani che lo tengono in posizione eretta e si risollevano. Si faccia in tal modo tre volte, come negli altri casi.
Ninua nella Teffillàh
-I punti in cui si effettua il "ninua" nell'Hallel sono i seguenti seguendo l'opinio- ne dell'Arizal, e facendo tre volte il "ninua" per ogni direzione: 1. Nel verso "Hodu", ambedue le volte in cui compare, secondo l'ordine indicato nello schema.
-Nei punti dove si usa ripetere il versetto due volte, si effettui il "ninua prima. Come nei versi "Anà Ad-ai Hazlicha nà" e per il ffil àh Tov Ki Leolam Chasdò".
Hallel s e
l "ni en l'hallel, ua" per ogni oltr che si fanno subito dopo la berachà 1. v.Nel verso "Hodu", ambedue le volte in cui compare, secondo l'ordine indicato nel o schema. Nei luoghi dove si usa ripetere il verset o due volte al a fine del 'Hal el si effet ui il "ninua" 2. "Anà Asd-ai H Hoshann le
urante la let u t. 17.11). (TH2 17.11).
Durante le Hoshanot di Hoshanàh Rabbàh si usa fare il giro della Tevàh per 7 volte con il lula oshanàh R.abbàh si usa fare il giro del a Tevàh per 7 volte con il lulav e l'etrog in mano. Data l'argomento trat ato, per l'eliminazione di questo foglio in forma cartacea, è necessario get arlo in ghenizàh, trovabile in tut i i bat è kennesseth (sinagoghe). E' vietato but arlo in immondizia. 19 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'וט Momenti di Musar
Giovedì ישימח םוי LA GIOIA DI SUKKOT
DOMANDA: Perché in occasione di Pesach elogiamo il S. dicendo nella tefillà "Zman Cherutenu – Tempo della nostra Liberazione" e di Shavuot "Zman Matan Toratenu - Tempo del Dono della Torà", invece di Sukkot non ricordiamo nessun evento dicendo "Zman Simchatenu – Tempo del- la nostra Gioia"? RISPOSTA: C'è una differenza sostanziale trai miracoli fatti dal S. D-o nell'occasione dell'uscita dall'Egitto e del dono della Torà, per i quali fe- steggiamo la festa di Pesach e Shavuot, e i miracoli fatti attraverso le "Ananèi Akavod – le Nubi" che per queste festeggiamo la festa di Sukkot.
Così come tutti miracoli fatti da Hashem al popolo Ebraico hanno lo sco- po di insegnarci una lezione ben precisa, lo stesso vale per quelli di Pe- sach durante e prima dell'uscita dalle mani del faraone. L'insegnamento di tutti i prodigi in Egitto era quello di mostrarci la forza dell'Onnipo- tente, la Sua assoluta autorità e responsabilità su tutti gli eventi della na- tura, e il farci imparare che è Lui l'Unico D-o Che può tutto, ed il Nostro S. In occasione del dono della Torà invece, ha mostrato a noi e a tutti i viventi che siamo il popolo prescelto, dandoci la Sua Santa Torà.
Nel deserto invece, i miracoli erano continui: dalla manna che scendeva per nutrirci, alle Ananèi Akavod che ci guidavano la strada le quali ci cu- stodivano i vestiti dal deterioramento, dalla sporco ecc., ci scampavano da ogni pericolo del deserto e dal suo clima ostile. Il messaggio di tutti questi miracoli era quello di indicarci il sistema di vita che dovremmo seguire. Tutti noi siamo presi giornalmente nei bisogni della vita: man- tenimento della famiglia, cibo, vestiti, la casa, bollette ecc., ed apparen- temente ce ne occupiamo da soli. Viene Sukkot con il ricordo dei 40 anni passati nel deserto miracolosamente, e ci insegna il modo di vivere che deve condurre il popolo ebraico in tutta la sua vita, ci viene a disapprova- re la propensione dell'uomo ad affermare: "la mia forza e l'efficacia delle mie mani mi hanno fatto avere successo". Per insegnarci questo non è servita l'uscita dall'Egitto e neanche la straordinaria manifestazione di Hashem sul monte Sinai, bensì 40 di vita nel deserto, di vita ordinaria ma sotto la piena Provvidenza Divina. Per questo noi gioiamo in questa festa più delle altre: Hashem ci viene a dire che la nostra vita sta com- pletamente nelle Sue Mani Sicure, 24 ore su 24, ogni istante della nostra esistenza è legata al Nostro Re! (tratto dal libro Nafshì Beshelatì di Rav Yakov Israel Lugassi) 19 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'וט Momenti di Halakhà
Giovedì ישימח םוי REGOLE SUL TALLIT

DOMANDA: Esiste una misura minima del tallit per far sì che sia
kasher per eseguirci la mizwà? RISPOSTA: Si, la misura minima del tallit sia per quello grande (che si usa durante la preghiera) che quello piccolo (che si indossa sotto ai ve- stiti) deve essere perlomeno di 72 cm di lunghezza e di 48 di larghez- za, ma chi vuole essere rigoroso è bene che prenda un tallit perlomeno di 90 cm di lunghezza e 60 di larghezza (Chazon Ish). Se il tallit che si indossa non ha le suddette misure, secondo la maggior parte delle autorità rabbiniche non si è compiuti affatto l'importante mizwà del zizit. Secondo la Mishnà Brurà è bene prendere un tallit katan lungo sia davanti che dietro 48 cm (o 60 secondo il Chazon Ish) e sia largo 48 cm (o 60 secondo il Chazon Ish).
-La misura della larghezza si calcola senza includere l'apertura del collo, a meno che entrambe le spalle del tallit katan insieme siano più larghe dell'apertura del collo stesso. Per il tallit katan di lana, che ha il taglio verticale sull'apertura del collo, non si dovrà escludere quest'apertura nel rilevare la lunghezza del tallit.
-Tuttavia se non si ha nient'altro che un tallit al di sotto di quelle misu- re, sarà preferibile indossarlo che non compiere affatto la mizwà, dal momento che c'è una minoranza di autorità rabbiniche sostenenti che anche con un tallit al di sotto delle misure su indicate, si esce d'obbligo dalla mizwà. Tuttavia sarà vietato farci la berachà, se è sprovvisto delle misure suddette. E questo vale sia per il tallit grande che quello picco- lo. (Nota: per quello piccolo non si fa generalmente la berachà, bensì si esce d'obbligo da essa includendola nel momento che la si recita su quello grande; a meno che durante la giornata, dopo la tefillà mattu- tina, si voglia cambiare il tallit katan con un altro o in altri casi simili allora sarà necessario benedire ".al mizwat zizit").
-Bisogna fare attenzione quando si compra un tallit nuovo (special- mente per quello "katan") che lo si prenda qualche centimetro più grande delle misure suddette, dal momento che con il lavaggio il tes- suto si può restringere, facendolo scendere sotto le dimensioni ripor- (Alachot tratte da Alachà Brurà e Mishnà Brurà) 20 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'זט Momenti di Musar
Venerdì ישיש םוי
Parasha VeZot HaBerachà
Una volta il Gaon e Tzaddik Rabbi Israel Meir di Radin, autore del noto libro intitolato "Chafetz Chaijm", entrando nella sua Yeshivà vide un folto gruppo di studenti che, anziché studiare la Torah, sprecavano il proprio tempo con discorsi frivoli. Si avvicinò quin- di il Chafetz Chaijm ai giovani allievi, e, con aria di rimprovero, disse loro: "Dal momento che vi state distraendo dallo studio della Santa Torah, mi racconterò una storia che ho ascoltato dalla bocca di Rabbi Israel Salant (fondatore del momento del "Musar – Etica ebraica" in Lituania). C'era una volta un uomo non molto sano di mente che, un giorno, iniziò improvvisamente a smontare le rotaie di un binario ferroviario dove passavano regolarmente i treni del pa- ese, rimuovendo diversi metri di binario. La gente del posto lo rim- proverò duramente per il suo comportamento, chiedendogli come gli fosse venuto in mente di togliere le rotaie e mettere così in peri- colo i passeggeri dei treni che avrebbero successivamente percorso quel tratto di binario. "Saprete senz'altro che il binario ferroviario in questione attraversa diverse migliaia di chilometri – rispose inge- nuamente quell'uomo ai suoi compaesani –, mentre io non ho fatto altro che toglierne alcuni metri!". Da questa storia possiamo invero trarre un importante insegnamento – concluse il Chafetz Chaijm rivolgendosi ai suoi studenti –: un ebreo che si astiene dallo stu- diare Torah anche per una sola ora, giustificandosi con il fatto che i suoi padri ed i suoi avi la hanno studiata costantemente e che, an- che ai giorni d'oggi, ci sono molte persone che rispettano le mitzvot e studiano regolarmente la Torah, è paragonabile a quello stupido uomo che, con lo smontare un seppur piccolo tratto del binario fer- roviario, ha messo in pericolo tutti i passeggeri che in futuro percor- reranno quelle stesse rotaie…". 20 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'זט Momenti di Halakhà
Venerdì ישיש םוי REGOLE DI SHABBAT
DOMANDA. È permesso lavare i denti di Shabbat? RISPOSTA. È bene menzionare le possibili problematiche relative all'uso del dentifricio, dello spazzolino e dei denti.
Dentifricio – Memareach. Se si liscia una superficie solida (tipo plasti- lina) si trasgredisce la melachà di memareach (spalmare) che fa parte della melachà di memachek (lisciare le pelli).
Secondo molti poskim se si spalma il dentifricio (che è semisolido) sui denti si incorre in una trasgressione derabbanan di memareach (Igrot Moshe OC 1: 112).
Secondo altri poskim è permesso spalmare una sostanza semisolida nel caso in cui essa venga immediatamente rimossa ed è quindi permesso utilizzare il dentifricio (Yabia Omer 4 OC 27-30).
Dentifricio – Molid. Se si cambia lo stato di un oggetto da solido a li- quido (o viceversa) si incorre nella trasgressione di molid (creare una nuova entità).
Secondo alcuni poskim ciò avviene utilizzando il dentifricio dato che da entità semisolida esso diventa una sostanza cremosa (Igros Moshe Secondo altri poskim la trasgressione di molid avviene solo se si tra- sforma un oggetto da solido a liquido o viceversa. Il cambiamento dallo stato di semisolido a quello di semiliquido (come nel caso del denti- fricio) non è sufficientemente importante da costituire la creazione di una nuova entità. (Yabia Omer 4, 28 citato in Yalkut Yosef 326, 13).
Si noti che Rav Ovadia Yosef shlit'a afferma che ciò vale solo per i sefar- diti dato che lo Shulchan Aruch è facilitante a riguardo. Gli ashkena- ziti fanno bene a non utilizzare il dentifricio dato che secondo il Remà il cambiamento da stato semisolido a semiliquido costituisce molid. (Continua domani) (Il testo e' stato tratto dal blog internet di Rav Michael Cogoi, http:// 21 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'זי Momenti di Musar
Sabato תבש םוי Parasha VeZot HaBerachà
"La Torah che ci ha ordinato Moshè, è l'eredità dell'assemblea di Yaacov" (Devarim 33, 4).
Un solo ebreo non è in grado di rispettare da solo tutte le 613 mizvot comandate nella Torah, essendoci precetti espressamente destina- ti ai cohanim, ai leviti, al re, alle donne, etc.
Ciò nonostante, quando gli ebrei sono uniti tra di loro come se fossero un solo uomo, rispettandosi ed amandosi l'un l'altro, allora il popolo d'Israele è considerato di fronte ad Hashem come se fosse un solo "corpo", e quindi Egli valuta le mitzvot che ciascun ebreo compie come se fossero state compiute da tutti gli ebrei: il che si- gnifica che ogni ebreo è considerato come se avesse rispettato tutti i comandamenti della nostra Santa Torah.
Ciò è quanto indicato nel versetto sopra citato: "La Torah che ci ha ordinato Moshè", ovverosia le 611 mitzvot, pari al valore numerico della parola "הרות – Torah" (5 = ה; 200 = ר; 6 = ו; 400 = ת), che "ci ha ordinato Moshè" (come infatti insegnato nel midrash, il primo ed il secondo comandamento, "Io sono il Signore Tuo D-o" e "Non avrai altre divinità all'infuori di me", sono stati ascoltati diretta- mente dalla bocca di Hashem), non può essere la nostra "eredità" eterna, non potendo noi metterla in pratica integralmente, se non quando vi è la "assemblea di Yaacov", e cioè nel momento in cui tutto il popolo d'Israele è unito e paragonabile, quindi, ad un unico 21 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'זי Momenti di Halakhà
Sabato תבש םוי Dentifricio – Refuà. Di Shabbat è proibito curarsi, salvo in casi gravi. La stragrande maggioranza di poskim ritengono che l'applicazione del fluoro ai denti non costituisca una cura (refuà).
Spazzolino – Sechità. Secondo molti poskim se si spreme il liquido assorbito tra le setole dello spazzolino da denti si commette una tra- sgressione derabbanan della melachà di mefarek (scaricare) che è parte della melachà di sechità (spremere) / dash (trebbiare). Tale problema è superabile se non si bagna lo spazzolino prima di usarlo e se non lo si spreme dopo l'uso. È quindi permesso utilizzare lo spazzolino se è asciutto (Igrot Moshe citato sopra).
Secondo altri poskim il problema di sechità riguarda solo materiali assorbenti. E dato che le setole non assorbono al loro interno il liqui- do, ma esso viene assorbito solo tra una setola e l'altra, è permesso usare lo spazzolino bagnato (Yabia Omer 4 30-19).
Secondo Rav Shlomo Zalman Auerbach z.z.l. l'utilizzo dello spaz- zolino non costituisce sechità, ma si tratta di una di quelle attività permesse che molti timorati del Cielo considerano proibite (Sride' Esh O.C. 30).
Spazzolino – Uvdin de-Chol. Secondo alcuni poskim, lavare i den- ti costituisce una di quelle attività che si compiono comunemente durante la settimana e che non vanno compiute di Shabbat (Yabia Omer 4, 30). Tale problema è risolvibile selezionando uno spazzoli- no esclusivamente per essere usato durante lo Shabbat.
Altri poskim non considerano che vi sia un problema di uvdin de- chol se si utilizza lo spazzolino di ogni giorno. (continueremo Bs D venerdì 23 tishri con questa alachà) (Il testo e' stato tratto dal blog internet di Rav Michael Cogoi, http:// 22 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'חי Momenti di Musar
Domenica ןושאר םוי
BITACHON-AFFIDARSI A HASHEM

Uno degli insegnamenti più importanti di tutta la Torà e delle mizwot
possiamo trarlo dalla festa di sukkot. Uno dei 2 motivi per il quale in questi 7 giorni di festa alloggiamo nelle sukkot, è per ricordarci che Hashem quando ci fece uscire dall'Egitto ci avvolse completamente con le nubi, e con il suo "abbraccio" ci assicurava ogni tipo di biso- gno. Ci scampava da ogni pericolo nel deserto, ci conservava i vestiti, ci preservava da ogni disturbo meteorologico, e oltre a questo ci nutriva come un padre fa con il proprio figlio, dandoci acqua da bere, cibo da mangiare, per insegnarci i principi della fede e dell'affidamento com- pleto in Lui. Allora in questi giorni, propizi nel rafforzamento della nostra sicurezza in Hashem, sta a noi studiare qualche punto di questo importante fondamento dell'ebraismo.
La qualità dei mezzi di sostentamento di una persona dipende dalla sua fiducia in Hashem. Grazie all'emunà si può ottenere la fiducia in Hashem. Questa ci insegna che D-o dà sostentamento a tutte le Sue creature, dall'ameba unicellulare alle galassie più immense. I nostri saggi affermano che Colui che dona la vita dona anche i mezzi per vi- vere. In altre parole, se uno crede che Hashem è il Creatore che dona la vita, deve anche credere che il Creatore dà sostentamento a tutte le sue creature.
Una fiducia completa in Hashem include la fiducia che i mezzi di so- stentamento fanno parte della Provvidenza Divina di Hashm su tutto il creato; perciò, la persona che ha fede in D-o deve essere sollevata da ogni preoccupazione riguardo ai mezzi di sostentamento ed essere quindi libera di concentrarsi sul suo compito specifico sulla terra con lucidità di mente. Tali persone sanno che Hashem adempirà fedelmen- te ai Suoi compiti.
Il segno distintivo della fiducia in Hashem si manifesta nel momento in cui i pensieri di una persona non sono più concentrati sul denaro. Coloro che hanno fiducia in D-o non hanno affatto la preoccupazio- ne di come provvedere al loro prossimo pasto. Anche quando sono a corto di denaro, essi sanno che i loro problemi economici vengono da Hashem. Perciò non danno la colpa nè a se stessi nè agli altri per le loro difficoltà. (continua domani) (tratto dal Libro "Gan Aemunà" di R. Arush) 22 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'חי Momenti di Halakhà
Domenica ןושאר םוי REGOLE SUL TALLIT
DOMANDA: I bambini sono obbligati ad indossare il tallit? RISPOSTA: E' opportuno che i genitori o chi per loro (morim), insegnino al bambino che è arrivato all'età di 6/7 anni, di indossare il tallit katan. E c'è chi usa essere rigoroso e comincia ad abituarli a vestire il tallit katan già da 3 anni.
-Per i sefarditi e gli italiani, secondo i quali si comincia ad indossare il tallit gadol già dal Bar Mizwà, sarà consigliabile che il padre abitui il figlio ad indossarlo già dal momento che comincia a venire al Bet Akeneset e a -L'onen, colui che è in attesa che venga sepolto uno dei suoi famigliari stretti (madre, padre, moglie, fratello o sorella, figlio o figli, D. ci scampi) è esente dalla mizwà dello zizit, come da tutte le altre mizwot positive. Tuttavia se vuole indossare il tallit katan lo potrà fare senza recitare la benedizione (nei casi che sia necessario farlo vedi 15 tishrì nell'alachà).
-L'avel – la persona in lutto è obbligata a compiere la mizwà del tallit come tutte le altre mizwot.
DOMANDA: Si deve lasciare indossato il tallit di notte quando si va a dor- RISPOSTA: C'è scritto nel versetto riferendosi agli ziziot "E li vedrete", e hanno insegnato i nostri Maestri che la Torà viene ad escludere il vestito notturno. Ed in questo c'è una discussione se l'esenzione della Torà sia su tutti i vestiti che si indossano di notte, e quindi che la mizwà sia legata al tempo, oppure se il verso viene ad esentare i vestiti che si indossano o ciò con cui ci si copre solo la notte, quindi come il pigiama o le coperte ecc., anche se li si indossino di giorno. L'esito e la conclusione nell'alachà è che dobbiamo prendere in considerazione entrambi le opinioni e sarà vietato quindi indossare di giorno un abito che in genere si veste la notte come il pigiama (nel caso abbia i 4 angoli che obbligano l'applicazione degli ziziot) oppure vestire un tallit con i 4 angoli di notte privo di ziziot. E' quindi permesso benedire sul tallit o simili esclusivamente se ci saranno le 2 condizioni suddette: 1) Lo si indossi di giorno 2) Sia un vestito specifico del giorno. (Chiaramente dovrà avere gli altri parametri alachici, per es. 4 angoli, le misure a norma ecc., giacché in caso contrario, sarà permesso indossarli senza l'applicazione degli ziziot.) Continua domani.
(Alachot tratte da Alachà Brurà di R. David Yosef) 23 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'טי Momenti di Musar
Lunedì ינש םוי BITACHON-AFFIDARSI A HASHEM

Quando si subisce una perdita finanziaria, sia sotto forma di un furto, che
di perdita di una proprietà o di un crollo, bisogna sempre fare appello ai tre principi dell'emunà, nel modo seguente: 1. Tutto viene da Hashem, compresa questa particolare perdita. Non sol- tanto tutto viene da Lui, bensì questo è esattamente quello che Lui vuole.
2. Questa particolare perdita è per il meglio, così come sono tutte le cose che Hashem fa.
3. Questa perdita è un messaggio da Hashem per stimolare un'autova- lutazione e un esame di coscienza per qualcosa che deve essere corretto, poiché non esistono tribolazioni che avvengono se non in conseguenza di Le persone che hanno emunà sanno che Hashem è Colui che li mantiene; perciò, quando essi si imbattono in una difficoltà economica, reagiscono attivando la loro emunà, conformemente al pensiero in tre fasi, menzio- nato sopra e basato sui principi dell'emunà. Il modo migliore che esiste per compensare una mancanza è la teshuvà, ossia la rettificazione delle cattive azioni che hanno causato in principio la mancanza. Con la teshuvà e la preghiera per la misericordia di Hashem, è possibile lasciarsi letteral- mente alle spalle tutte le difficoltà economiche.
D'altro canto, coloro che non hanno fiducia in Hashem, D-o non voglia, attribuiscono le proprie difficoltà finanziarie a una lunga lista di "cattivi": danno colpa a se stessi o ad altre persone, maledicono la propria sfortuna o cattiva sorte, o vanno a caccia di cattivi presagi, malocchi e assurdità si- mili. Talvolta, essi si lamentano che Hashem non li ama o non si interessa di loro, covano quindi rancore nei confronti di D-o. Essi pensano centinaia di strategie diverse per fare soldi o per ottenere quello che vogliono, senza escludere le vie illegali. Fanno di tutto eccetto quello che dovrebbero fare: rivolgersi a Hashem e pregare. Si spremono le meningi pur di decidere tra fare l'elemosina, chiedere un prestito ecc., fanno gli straordinari a scapito della propria salute e della propria famiglia. Essi rimangono privi della pace interiore sia in questo mondo che in quello avvenire.
Senza la fede e l'affidamento in D-o, la persona aumenta la maledizione del vivere con sudore della propria fronte (Genesi 3;19). L'emunà è la bene- dizione che sopprime la maledizione.
(tratto dal Libro "Gan Aemunà" di R. Arush) 23 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'טי Momenti di Halakhà
Lunedì ינש םוי REGOLE SUL TALLIT
Continua da ieri -Secondo la mistica se si indossa il tallit gadol da prima del tramonto lo si dovrà togliere da quando inizierà a fare buio. E lo stesso, secondo la cabalà, è bene andare a dormire con il tallit katan, e lo si toglierà solamente al mattino prima di lavarsi, rivestendolo successivamente senza berachà.
-L'uso trasmesso da generazioni è di indossare la sera del giorno di kippur il tallit gadol per la tefillà serale. Tuttavia la benedizione è per- messo recitarla solamente prima del tramonto. All'uscita di kippur in- vece, si dovrà toglierlo prima di cominciare la tefillà di arvit.
-Riguaedo le coperte e i plaid di lana, secondo la regola semplice non c'è il bisogno di porci gli ziziot ai quattro angoli (chiaramente nel caso abbiano le caratteristiche per imporlo). Tuttavia chi vuole essere ri- goroso, e vorrà arrotondare i 4 angoli esonerandolo completamente dall'obbligo degli ziziot riceverà benedizione. (Nota: sappiamo che un vestito per essere obbligato ad applicarci gli ziziot deve avere gli angoli squadrati quindi eliminandoli non sarà più idoneo per compierci la -Per le coperte e lenzuola che non sono di lana, non c'è affatto il biso- gno di essere rigorosi ed eliminare gli angoli.
DOMANDA: Cosa ci si deve fare con i fili degli ziziot che sono stati rimossi da un tallit? RISPOSTA: C'è discussione tra lo Shulchan Aruch e il Ramà se sia per- messo gettarli nella spazzatura. Tuttavia i fili che sono invalidi è di buon uso oggi di riporli in ghenizà. Oppure c'è chi usa utilizzarli come segna libro, ma solamente per i libri sacri (Pentateuco,Talmud ecc).
-Per il tallit, ancora fornito di ziziot è vietato farci degli usi disonore- voli, come asciugarcisi il sudore, spolverarcisi ecc. C'è chi è rigoroso e si astiene anche dall'asciugarcisi le mani bagnate e dal pulircisi gli -Per il tallit gadol esclusivo per la tefillà, è vietato utilizzarlo persino per usi non spregevoli, per es. anche provvisoriamente come cuscino, o come tenda ecc. (Continua domani) (Alachot tratte da Alachà Brurà e Piskèi Tshuvot) 24 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'כ Momenti di Musar
Martedì ישלש םוי continua dal 13 di tishri Il lulav invece non ha bisogno di una preparazione speciale, infatti anche se le quattro specie non sono annodate con un laccio, ma sono state unite soltanto con le mani nel momento della mizvà, ad ogni modo si è compiuta la mizvà.
Il Tur (Or Achaiim siman tav-resh-chaf-hei) scrive: "anche se sia- mo usciti dall'Egitto nel mese di Nissan, non ci è stato comandato di costruire la Sukkà a Nissan, poichè dal momento che è un mese estivo ed è uso di tutti abitare in capanne per stare a l'ombra, non si riconoscerebbe che stiamo compiendo una mizvà. Così ci è sta- to comandato di compiere la mizvà della Sukkà nel settimo mese (Tishrì), stagione di pioggia, proprio quando è uso uscire dalle ca- panne per tornare nelle case, noi invece abbandoniamo le nostre dimore fisse per andare a vivere in Sukkot".
Ora possiamo rispondere alla nostra domanda iniziale. In realtà il fatto che la Mizvà della Sukkà debba essere un piacere, e che nel Moèd di Sukkot si debba essere più felici degli altri Chaghim, non contraddice ciò che ci hanno insegnato i Maestri z"l, ossia che la Sukkà allude all'esilio.
Quando una persona abbandona il suo paese per emigrare in un altro, deve affrontare varie problematiche, come il freddo o il cal- do, mancanza di lavoro, o addirittura non avere una dimora dove vivere. Quando il popolo d'Israele è stato liberato dall'Egitto, vi- vendo in "esilio" per quaranta anni nel deserto, il S. si è curato di essi, riparandoli dal caldo e dal freddo circondandoli con le "ananè ha-kavòd" le nuvole della Gloria, cibandoli con la manna, e abbe- verandoli dal pozzo di Miriam, come se si trovavano in una terra piena di beni. Per questo seppur il trasferirsi in dimore precarie, Sukkot, nel mese di Tishrì ,assomigli ad un esilio, dal momento che è contro la natura dell'uomo viverci in periodo di pioggia, dob- biamo abitare in esse con piacere e gioia come se fossimo in casa, in ricordo del bene che il S. fece con i nostri padri nell'"esilio" nel de- serto facendoli vivere con gioia e benessere. Possiamo notare come l'esilio ed il piacere della mizvà della Sukkà e così anche la gioia stessa della festa di Sukkot possono coincidere insieme.
Chag Sameach a tutto il popolo d'Israele! 24 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'כ Momenti di Halakhà
Martedì ישלש םוי REGOLE SUL TALLIT
Continua da ieri -Il tallit che non è più d'uso, per esempio a causa del suo deteriora- mento, nel caso ci siano ancora i suoi ziziot attaccati, è vietato gettarlo nell'immondizia persino sistemandolo prima in una busta. È permesso però metterlo in un luogo dove la gente non lo calpesta e automati- camente si disperderà da solo. (Nota: In queste circostanze non ci si dovrà preoccupare che qualcuno che lo veda e possa gettarlo nella spaz- zatura). Tuttavia chi vuole essere rigoroso e riporlo in ghenizà riceverà -Quei tallitot descritti nel paragrafo precedente, ai quali sono stati però rimossi gli ziziot, sarà acconsentito metterli nell'immondizia, avendoli prima però avvolti in una busta o in un involucro opaco. Comunque è preferibile in questo caso metterli in un luogo dove la gente non li calpesti e automaticamente si disperderanno da soli.
-Gli ziziot che sono ancora attaccati al tallit, è vietato utilizzarli in qualsiasi modo, persino onorevolmente.
DOMANDA: E' permesso entrare con il tallit nel bagno? RISPOSTA: Anche se nello Shulchan Aruch è scritto che è permesso, tuttavia molti "Acharonim" (autorità Rabbiniche subito successive a Rabbì Yosef Caro autore dello Shulchan Aruch dopo il 500) si contrap- pongono a questo permesso, vietando di entrare con il tallit gadol nel bagno. Con il tallit katan invece è permesso senza restrizioni. Comun- que c'è chi usa essere rigoroso entrandoci solamente solo dopo aver na- scosto gli ziziot. E chi sarà scrupoloso in questo riceverà benedizione.
-Se si vuole indossare il tallit e ci si trova in un luogo dove è proibito re- citare la benedizione (come il mikwè, o nel bagno o dove arriva cattivo odore) allora lo si vestirà senza benedizione, e quando si uscirà da quei luoghi si dovrà afferrare gli ziziot e recitare la berachà.
DOMANDA: Si può far lavare il tallit presso una lavanderia di un goi? RISPOSTA: Oggi l'uso è quello di alleggerire su tutti i tallitot special- mente per quello "katan".
(alachot tratte da Piskèi Tshuvot e Alachà Brurà) 25 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'אכ Momenti di Musar
Mercoledì יעיבר םוי BITACHON-AFFIDARSI A HASHEM

Hashem dà i mezzi di sostentamento a una persona a prescindere dal-
le sue abilità o dalla sua rettitudine. Pensiamo ad esempio ad un bam- bino piccolo: se questi si comporta male, forse il genitore gli negherà il vitto, l'alloggio, il vestiario o l'assistenza medica? Certamente no! Se questo è il caso degli esseri umani, e Hashem è infinitamente più ge- neroso e misericordioso dell'uomo, sicuramente sarà il caso anche per il Creatore. Lui si prende cura delle Sue creature a prescindere dalla loro rettitudine.
Nella preghiera dell'Amidà che recitiamo quotidianamente tre volte al giorno, affermiamo che Hashem "mantiene ogni essere vivente con ge- nerosità", non diciamo che mantiene ogni essere vivente con giustizia. In altre parole, D-o dà i mezzi di sostentamento a tutti noi, in virtù della Sua immensa generosità, e non a seconda dei nostri meriti. Colui che dona la vita dona anche il sostentamento.
Si racconta di Rabbi Izchak Breiter, un pio ucciso dai nazisti. Prima dell'inizio della seconda guerra mondiale, egli aveva una posizione ben pagata come contabile di una grande fabbrica di Varsavia, che gli permetteva di dedicare tutto il tempo necessario a studiare Torà e a servire Hashem. Quando la depressione economica anteguerra colpì la Polonia Rabbi Izchak perse il lavoro. La notizia del suo licenziamen- to colpì la sua famiglia come un fulmine a ciel sereno, ma lui manten- ne la calma. Quando si rese conto che non vi erano letteralmente più posti di lavoro disponibili, andò a sedersi nel Bet Amidrash a studiare Torà e a pregare giorno e notte. Anche con il peggiorarsi della situa- zione economica, la sua fiducia in Hashem non vacillò neanche mini- mamente. Un giorno, quando Rabbi Izchak era seduto a studiare il suo talmud, si avvicinò un buon uomo donandogli un'ingente somma di denaro. Questi dopo che si allontanò, tornò dal Rabbì e gli chiese:"mi scusi signor rabbino, il re David disse: -sono stato giovane e sono in- vecchiato, ma non ho mai visto il giusto abbandonato, nè la sua prole mendicare il pane.- Se è così come è possibile che un giusto come lei, che studia Torà e serve Hashem giorno e notte, debba chiedere agli altri per il proprio sostentamento?" (il racconto continua domani) (tratto dal Libro "Gan Aemunà" di R. Arush) 25 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'אכ Momenti di Halakhà
Mercoledì יעיבר םוי REGOLE SULLA LASHON ARA'A
-E' vietato denigrare un terzo per le sue brutte doti, anche se parlando si vuole solamente svalutare il difetto caratteriale stesso e non la persona in questione. Per esempio se il capofamiglia racconta del brutto comporta- mento di Tizio a tutti i suoi famigliari, per far sì che si allontanino da quel brutto atteggiamento, questo sarà considerato lashon aràa.
-Parlare male del prossimo e dei suoi difetti è vietato anche se lo si fa per "amore della moralità", come per sottolineare quanto è sgradevole quel de- terminato comportamento. Ed in questo molti di noi inciampano nella "rete" dell'istinto malvagio.
-Molto spesso si raccontano dei fatti es apparentemente sembra che lo si faccia per ricerca di moralità, invece intimamente la persona è spinta dalla rabbia o da un oltraggio ricevuto. Quindi in questo caso oltre al grave divieto della lashon aràa, si è incorsi anche nel divieto di "non vendicarsi" e "non provare rancore".
Bisogna fare attenzione dalle frasi del tipo: "Avrei dovuto saperlo di non chiedere favori a Ruven!" oppure "Non vale neanche la pena chiedere aiuto -Se l'intenzione di chi parla è favorevole, è permesso parlare negativamen- te del prossimo, per esempio se si vuole rimproverare il compagno per non essersi comportato benevolmente con il prossimo, e lo si fa aiutandosi con un suo amico o un parente dell'interessato, persone più adatte a persua- derlo. (Tuttavia, come abbiamo studiato in passato, e che andremo a ri- passare con l'aiuto di Hashem, ci sono delle condizioni alle quali ci si deve attenere prima di parlare la "lashon aràa di favore". Quindi D. ci scampi dal parlare non prima di aver studiato tutti le condizioni).
-Perciò è permesso suggerire ad un amico di non chiedere aiuto a Tizio se si è sicuri che non glielo porterà, per sottrarlo ad una frustrazione o ad un vano sforzo, come detto però attenendosi alle condizioni della "lashon aràa di favore".
-E' vietato dalla Torà umiliare il compagno per la sua scarsa intelligenza o sagacia. Il divieto esiste sia che lo si faccia in sua presenza che non. Un tipo di espressione del genere può ferire profondamente l'animo della per- sona, anche se apparentemente non sembra farlo. Per esempio se si dice "scherzosamente": "Ma sei stupido!" oppure "Anche se glielo spiego un'ora non capirà mai!", dicendo queste espressioni, che D. ci scampi, si può tra- sgredire numerosi precetti negativi e positivi della Torà.
(tratto dal libro "Leshon Chaim di R. Eisenblatt) 26 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'בכ Momenti di Musar
Giovedì ישימח םוי BITACHON-AFFIDARSI A HASHEM
(continua da ieri) Dopo aver pensato qualche instante il Rabbi gli rispose:"Và alla piazza del mercato, dal negozio del ricco tal dei tali e ve- drai il figlio in piedi sul marciapiede a caccia di clienti; quando riesce a convincere qualcuno a entrare e acquistare qualcosa dal padre, il ragazzo ha la voce roca per essersi dovuto sgolare sulla strada. Dunque, non è forse la prole del ricco tal dei tali a pregare per il pane? Eppure, io me ne sto qui a studiare Torà e a pregare Hashem; mi hai forse visto chiamare la gente per darmi l'elemosina? Ti ho forse implorato di darmi un centesimo? Sei tu ad esserti avvicinato a me di tua iniziativa e mi hai dato esattamente quanto mi serviva per il mantenimento della mia famiglia".
I nostri Santi Maestri insegnano che non appena le persone credono che sia Hashem a provvedere a loro, esse si rendono meritevoli di una porzio- ne nel mondo avvenire. Il Talmud di Berachot 4b spiega che chiunque re- citi il Salmo 145 tre volte al giorno con concentrazione, si rende meritevole di una parte nel mondo futuro, poiché questo salmo particolare contribu- isce all'emunà e alla fiducia in Hashem, com'è scritto al verso 16: "Tu apri la Tua mano e sazi la fame di ogni vivente". Laddove l'emunà e la fiducia accrescono il reddito di una persona, le preoccupazioni lo distruggono.
Di conseguenza, gli sforzi migliori di una persona per guadagnarsi da vi- vere dovrebbero riguardare un costante rinforzamento dell'emunà e della fiducia in Hashem. Con l'emunà, tutti i bisogni di una persona sono esau- Un uomo d'affari che prega per avere una maggiore emunà impara a ge- stire i suoi business senza alcun tipo di stress o ansia. Nel momento che ripone la sua fiducia in Hashem, niente può turbarlo o spaventarlo. Fon- damentalmente, abbiamo la possibilità di scegliere una tra due strade di- verse nella vita commerciale o in qualsiasi altre avvenimenti della vita: possiamo nominare Hashem come direttore generale della nostra com- pagnia, di un nostro business, affare, ecc. e, di conseguenza, vivremo una vita calma e priva di preoccupazioni, oppure possiamo addossarci tutti i problemi sulle nostre spalle, con tutti gli stress, le angosce, gli scatti ner- vosi e i problemi di salute che li accompagnano.
Che Hashem ci apra gli occhi per farci capire che l'unica soluzione per raggiungere la vera ricchezza spirituale e materiale è solamente Lui! (tratto dal Libro "Gan Aemunà" di R. Arush) 26 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'בכ Momenti di Halakhà
Giovedì ישימח םוי REGOLE SULLA LASHON ARA'A
-Parlare della debolezza fisica di un terzo non è considerata lashon aràa, però solo a condizione che questo non provochi danno all'in- teressato. Per esempio se quest'informazione può causargli il li- cenziamento dal lavoro, oppure nel caso cerchi un incarico in qual- che azienda ecc.
-E' vietato inoltre qualificare un terzo come uno "stanco perenne", questo è considerato vituperio all'interessato.
-E' vietato dire di Tizio che è povero.
-E' permesso "spegnere" una discussione tra due persone parlando ad uno dei due dell'altro, per esempio col dire che non è dotato di molta saggezza e non vale la pena dare peso al suo atteggiamento, o alle sue parole ecc.
-Il divieto della lashon aràa è molto più grave quando si denigra un Talmid Chacham – studioso di Torà, su qualsiasi sua mancanza, e il Santo Benedetto Egli Sia reclama il suo onore, che D. ci scampi.
-Oltre a questo, denigrando il Talmid Chacham si indebolisce la sua forza di persuasione verso coloro che lo circondano.
Un aiuto pratico: proviamo ad immaginare che due persone chiac- chierino e parlino di noi e delle nostre carenze intellettive e sulla nostra incompetenza nel lavoro o nello studio, come ci saremmo sentiti? È chiaro che anche il nostro simile del quale avremmo vo- luto parlare male per il suo carattere o la sua sprovvedutezza nel lavoro ecc. si sentirà nello stesso modo se lo facessimo. Sicura- mente quando parliamo male del nostro compagno non abbiamo l'intenzione di mortificarlo, ma solo di spettegolare un po', e con- temporaneamente sentirci un po' più importanti. È plausibile che la sola riflessione profonda in questo potrà aiutarci, con l'aiuto di Hashem, a non denigrare i nostri compagni! (tratto dal libro "Leshon Chaim di R. Eisenblatt) 27 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'גכ Momenti di Musar
Venerdì ישיש םוי
Parashat Bereshit
Un insegnante non ebreo, che frequentava molti ebrei e conosceva abbastanza bene anche la lingua ebraica, partecipò una volta ad un matrimonio ebraico ed ascoltò quindi il Rabbino che celebrava la cerimonia e recitava le Shevà Berachot sotto la Chuppà. Giunto alla quinta Berachà ("Rallegra gli amati compagni, come rallegra- sti le Tue creature in origine nel giardino dell'Eden. Benedetto Tu Hashem, che rallegra lo sposo e la sposa"), il non ebreo pose a colo- ro che si trovavano al suo fianco la seguente domanda: "Quale è il significato di questa strana benedizione che Voi recitate di fronte ad ogni giovane coppia sotto il baldacchino nuziale? Eravate forse pre- senti nel giardino dell'Eden insieme ad Adamo ed Eva così da essere certi della gioia che gli stessi possono aver provato nel contrarre matrimonio?!". Uno degli invitati rispose così al non ebreo: "Sap- pi che in questa benedizione è nascosto un immenso significato, di cui sono unici destinatari l'uomo e la donna che entrano sotto la Chuppà. Infatti, così come Adamo il primo uomo si rallegrò senza ombra di dubbio di fronte a sua moglie, e non rivolse i propri occhi ed il proprio cuore su altre donne visto che Eva era l'unica donna esistente sulla faccia della terra, così noi auguriamo allo sposo ed alla sposa che stanno per contrarre matrimonio di poter meritare, nel corso di tutta la loro vita assieme, di guardarsi sempre recipro- camente come se fossero gli unici al mondo, affinché possa risiedere nella loro casa l'amore e la fratellanza, la pace e l'amicizia…". 27 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'גכ Momenti di Halakhà
Venerdì ישיש םוי REGOLE DI SHABBAT
CONTINUIAMO QUI CON LA QUESTIONE SE SE SI POSSANO LAVARE I DENTI DI SHABBAT COMINCIATA LA SCORSA SET- Spazzolino – Hachanà. È proibito fare preparativi di Sabbat (ha- chanot) per attività che si compieranno al termine dello Shabbat. Pertanto, secondo molti poskim bisogna fare attenzione a non sciacquare lo spazzolino dopo averlo usato a meno che non si in- tenda riutilizzarlo durante lo stesso Shabbat (Igrot Moshe e Yabia Omer citati sopra e Or Letzion vol 2, pag 253).
Secondo Rav Shlomo Zalman Auerbach z.z.l. si tratta di un'azione abitudinaria fatta senza la consapevolezza di fare un preparativo e pertanto è permesso sciacquare lo spazzolino anche se lo si riutliz- zerà solo al termine dello Shabbat.
Denti – Sanguinamento. Secondo alcuni poskim anche solo facen- do uscire del sangue si trasgredisce la melachà di shechità (macel- lazione). Secondo altri si tratta di un problema di sechità (spre- mere) dato che col sanguinamento si fa uscire il liquido dal suo contenitore naturale. È quindi proibito lavare i denti dato che è possibile che, così facendo, le gengive sanguinino (Minchat Yit- zchak 3, 50 e Ohel Moshe 2, 98).
Secondo altri poskim il divieto si applica solo quando si è sicuri che le gengive sanguineranno. Pertanto se non si hanno gengive delicate è permesso utilizzare lo spazzolino (Yabia Omer 4 29, 17).
(Il testo e' stato tratto dal blog internet di Rav Michael Co- goi, http://mikeamchaisrael.blogspot.co.il/ ) 28 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'דכ Momenti di Musar
Sabato תבש םוי "E fu sera e fu mattina, un giorno" (Bereshit 1, 5).
Presso gli ebrei il giorno viene dopo la notte, mentre la notte suc- cessiva appartiene al giorno seguente.
Tra i non ebrei, diversamente, è il giorno che precede la notte, co- sicché la notte appartiene al giorno che è appena terminato.
La notte simboleggia, evidentemente, il buio ed il dolore, il rigore e la punizione, ed è per questo che gli ebrei, per i quali la notte precede il giorno, pur se inizialmente sopportano disgrazie e sof- ferenze, verranno successivamente illuminati dalla luce guaritrice del sole della salvezza divina.
Al contrario, gli altri popoli subiscono gli eventi in maniera com- pletamente invertita rispetto agli ebrei, in quanto per loro, alla luce benefica del giorno, seguirà il buio delle tenebre.
Ciò rispecchia quanto insegnato dai nostri Maestri: "Per gli Tzad- dikim l'inizio è sofferenza ma la fine è serenità, mentre per i mal- vagi l'inizio è serenità ma la fine è sofferenza".
28 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'דכ Momenti di Halakhà
Sabato תבש םוי REGOLE DI SHABBAT
CONCLUSIONE SE SI POSSANO LAVARE O MENO I DENTI DI Secondo Rav Ovadià Yosef shlit'a a meno che non si abbiano gengive sensibili è permesso utilizzare uno spazzolino con acqua e dentifri- cio. Per evitare problemi di uvdin de-chol và però messo da parte uno specifico spazzolino per lo Shabbat. Inoltre per evitare problemi di hachanà bisogna stare attenti a non sciacquarlo dopo l'ultimo uso di Secondo Rav Shlomo Zalman Auerbach z.z.l. non è permesso utiliz- zare il dentifricio per problemi di memareach. È permesso applicare dentifricio liquido sullo spazzolino e lavare i denti regolarmente.
Secondo Rav Moshe Feinstein z.z.l. non si può usare il dentifricio per problemi di memareach e non si può nemmeno bagnare lo spazzolino per problemi di sechità. Il modo ottimale di lavare i denti è mettere in bocca il dentifricio liquido e poi, se non si hanno gengive sensibili, la- vare i denti con uno spazzolino asciutto. Non si sciacqui lo spazzolino dopo averlo usato per problemi di hachanà, a meno che non lo si usi successivamente durante lo shabbat.
Rav Neuwirth shlit'a in Shemirat Shabbat Ke-Ilchatà (14, 34) dice che si usa non lavare i denti con lo spazzolino, ma sciacquare la bocca con il dentifricio liquido (14, 36).
Curiosità. Esiste in commercio uno spazzolino speciale da usare solo di Shabbat con setole grosse e soffici che non causano sanguinamento e con un ampio spazio tra una setola e l'altra per non assorbire liquidi. Esso va utilizzato con uno speciale dentifricio liquido che non crea problemi di memareach. Tale spazzolino, oltre a soddisfare tutte le opinioni menzionate, soddisfa anche il dentista.
Ci si rivolga al proprio posek di fiducia per una decisione halachica definitiva.
(Il testo e' stato tratto dal blog internet di Rav Michael Cogoi, http://mikeamchaisrael.blogspot.co.il/ ) 29 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'הכ Momenti di Musar
Domenica ןושאר םוי
IL COMANDAMENTO ESSENZIALE-SHALOM BAIT
Sappi che l'elemento piu' importante del servizio di Hashem e' la pace coniugale. Il marito deve quindi investirvi tutte le sue forze; e' il comandamento principale di cui e' responsabile per tutti i giorni della sua vita. Fintanto che la pace non regna a casa sua, l'uomo deve consacrarvi molto studio e preghiera e sforzarsi il piu' possi- bile per raggiungerla.
L'uomo pensa erroneamente, ed e' un errore molto diffuso, che quando si occupa della pace coniugale, per esaudire le richieste di sua moglie, perde del tempo utile che potrebbe utilizzare per lo studio della Torah. Il contrario e' vero: e' il criterio essenziale del suo servizio di Hashem, e deve essere il suo progetto di vita, l'au- tentica prova della sua vita.
Lo scopo dell'uomo consiste nell'attaccarsi costantemente ad Hashem benedetto Egli sia, alla Sua Torah e ai Suoi comandamen- ti. E sembra, a prima vista, che sia piu' facile raggiungere questo scopo rimanendo celibe, senza il giogo di una moglie, dei figli e della ricerca della loro sussistenza. Di conseguenza, si potrebbe credere che la volonta' divina sia che l'uomo resti celibe, e che cosi' possa realizzare liberamente e completamente la Sua volonta', come viene riportato nella Ghemara': « Colui che si sposa, si carica di un fardello ». Eppure non e' cosi'. In realta', la Torah racconta che Hashem benedetto Egli sia ha punito i figli di Aharon, Na- dav e Aviu', e che furono consumati dal fuoco poiche' non presero moglie, come viene spiegato nel santo Zohar. Eppure, erano dei grandi Giusti, e il nostro maestro Moshe' ha lui stesso testimonia- to che erano piu' grandi di lui. Un decreto di morte e di annulla- mento della parte del mondo futuro fu anche previsto contro il re Chizkiau perché' celibe, nonostante avesse studiato la Torah tutta la sua vita e diffuso il suo studio in tutto Israele, e che fosse atto a diventare il Mashiach.
(tratto dal libro "Il Giardino Della Pace" di Rav Shalom Arush gui- da per pace coniugale, in uscita tra qualche mese con l'aiuto di Hashem in Italia) 29 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'הכ Momenti di Halakhà
Domenica ןושאר םוי Terzo capitolo - Preparazioni prima del mikve
Alla fine del capitolo precedente abbiamo riportato alcune delle regole di preparazione per il mikve, in questo vedremo, con l'aiuto di D-o, il resto di queste regole.
Prima di tutto però bisogna sapere che quando il marito si trova a casa, e non in viaggio, fare la tevilla al termine dei sette giorni puliti è per la donna un grande mizvà, sia perchè così la coppia potrà compiere i propri doveri coniugali (che la sera del mikve e in altre occasioni come la sera dello Scabbat o dei Moadim sono per il marito una mizva della Torà in quanto è obbligato a rallegrare la moglie), sia perchè così potrà compiere la mizva della procreazione alla quale ogni ebreo è obbligato anche se già ha dei figli (e non esce d'obbligo neanche con un maschio e una femmina, come è scritto nello Sculhan Aruch Even Aeser cap. 1), mentre se il marito è lontano da casa non è bene che la donna faccia la tevilla, a meno che non pensi che questo possa tornare ogni momento1. Bisogna ancora sapere che per un decreto dei maestri la tevilla va sempre fatta di sera dopo l'uscita delle tre stelle, anche se i sette giorni puliti sono terminati già da tempo (ovvero se una donna non è riuscita a fare la tevilla la sera in cui sono terminati i sette giorni non potrà farla la mattina dopo ma dovrà aspettare la sera successiva). Vi sono però dei casi rari in cui viene permesso di fare il mikve anche di giorno, quindi chi ha un grave im- pedimento potrà chiedere a un rabbino competente se questo è sufficiente per permettere la tevillà di giorno.
Adesso possiamo passare alle vere e proprie regole di preparazione alla tevilla, prima però dobbiamo fare un altra piccola introduzione: come abbiamo già detto nel cap. precedente quando la donna si immerge nelle acque del mikve tutto il corpo deve essere privo di cose che possano impedire all'acqua di toccare il corpo, quindi vi sono una serie di prepara- zioni che vanno fatte in vista della tevilla per far sì che il corpo sia del tut- to privo di impedimenti (hazziza). È importante sapere che solo quando questi impedimenti sono così aderenti al corpo da non rendere possibile il passaggio dell'acqua rendono la tevilla non valida, ma se sono abbastanza larghi e l'acqua vi passa sotto non sono hazziza (come ad esempio una 30 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'וכ Momenti di Musar
Lunedì ינש םוי RIMANERE CELIBE – SHALOM BAIT
Spesso ci si chiede: perche' ci viene comandato di sposarci e si pu- nisce cosi' gravemente colui che non si sposa (vedi il mussar di ieri)? Eppure, l'intenzione di non sposarsi e' buona: si vuole realiz- zare i comandamenti e studiare con assiduita', senza essere distur- bato, e così' attaccarsi ad Hashem benedetto Egli sia, estraniandosi dal mondo. Se le cose stanno cosi', perche' il Santo benedetto Egli sia comanda all'uomo di prendere una moglie allorche' questo co- mandamento lo obbliga ad attaccarsi a questo mondo? La risposta a questa domanda e' che lo scopo della creazione del mondo, l'osservanza della Torah e di conseguenza l'essenziale della prova dell'uomo, comincia solo quando l'uomo si sposa. Nessuno al mondo puo' correggersi e compiere l'osservanza della Torah a meno che si sposi e gioisca della pace coniugale. Se e' sposato e la pace non regna in casa sua, perche' sposarsi? Per peccare e far sof- frire sua moglie? Se, senza sposarsi, l'uomo non compie la Torah e il mondo non puo' raggiungere il suo scopo, il peccato del celibato e' cosi' grave che rende la presenza dell'uomo in questo mondo ad- dirittura inutile.
Il fondamento e' il seguente: lo scopo principale e' di lavorare e comportarsi nelle vie di Hashem in onore del Suo nome, Benedet- to Egli sia, per meritare di conoscerLo. E' questo lo scopo essen- ziale secondo la Sua volonta'. Non conviene all'uomo avere un'altra intenzione nel suo servizio di Hashem, benedetto Egli sia, se non quello di eseguire la Volonta' divina, come e' detto : « Compite la Sua Volonta' » (Salmi 103 :21, Likute Moaran).
Siccome l'essenziale della venuta dell'uomo in questo mondo e' motivato dalla conoscenza del Santo benedetto Egli sia, ognuno deve sapere chiaramente che non esiste altra possibilita' di cono- scere il suo Creatore, se non quello di passare con successo la pro- va della pace matrimoniale. Di conseguenza, la finalita' di questo mondo passa attraverso la il rapporto con la moglie.
(Tratto dal libro "Il Giardino Della Pace" di Rav Shalom Arush guida per pace coniugale, in uscita tra qualche mese con l'aiuto di Hashem in Italia) 30 Settembre 2013 ד"עשת ירשת 'וכ Momenti di Halakhà
Lunedì ינש םוי E così bisogna sapere che secondo la Torà solo un impedimento aderente che copre più della metà del corpo e la gente sta attenta a non lasciarlo sempre a dosso è hazizza e rende la tvilla non valida, ma i nostri maestri hanno vietato anche un impedimento che non ricopre più della metà del corpo se la gente non è solita lasciarlo sempre a dosso o che ricopre più della meta del corpo anche se la gente è solita lasciarlo sempre a dosso, mentre un impedimento più piccolo della metà del corpo e la gente e solita lasciarlo sempre sol corpo anche secondo i maestri non è hazziza. Nonostante ciò l'uso è quello di levare al momento della tevilla anche que- ste cose. Quindi in caso di bisogno si può chiedere a un rav competente come è considerato secondo la Alacha (regole ebraiche) quello che non si può togliere ( e così se per sbaglio si è scordato di togliere qualunque cosa bisogna chiedere a un rav).
Detto ciò possiamo vedere ogni parte del corpo come va preparata (tutto quello che scriveremo è preso dal libro di Rav David Iosef "Torat ataara": spellature, pelle dura e calli 1)spellature provocate da abbronzatura non sono hazziza perchè le pellici- ne che non possono essere levate sono considerate ancora parte del corpo, mentre quelle che si possono staccare cadono da sole e anche se rimango- no sul posto della spellatura senza cadere non sono hazziza perchè l'acqua vi passa sotto. Comunque è pene cercare di levarne il più possobile.
2)questa è anche la regola per spellature provocate da una permanenza molto lunga dentro la vasca da bagno, dal freddo invernale. pellicine che spesso si trovano vicino alla unghie a prio- ri bisogna cercare di tagliarle il più possibile, ma se è difficile farlo o se se ne è scordato e la tevilla è di scabbat (quindi non possono essere tagliate) si potrà in ogni caso fare il mikve sansa considerarle hazziza.
Calli o pelle secca non sono hazziza in quanto sono parte del corpo, ma se si è soliti levarli bisogna a priori levarli anche prima 1 Ottobre 2013 ד"עשת ירשת 'זכ Momenti di Musar
Martedì ישלש םוי IL TUO SPECCHIO PERSONALE – SHALOM BAIT

Il principio che la moglie e' lo specchio di suo marito, e' la prima
cosa che deve impedire di formulare la benche' minima critica verso di essa, e non appena si nota un difetto in lei, si cercherà' dentro se stessi cio' che si deve correggere, poiche' cio' che si vede altro non e' che la propria immagine che si riflette come in uno specchio.
L'uomo che vede la sua camicia sgualcita in uno specchio, sistema la camicia dello specchio o quella che indossa? Inoltre, persino se si cerca di sistemare la camicia dello specchio, essa rimarrà sempre sgualcita. E' esattamente cio' che succede qui: le critiche formulate verso la moglie non cambiano niente, e non soltanto non correggo- no nulla, ma altro non fanno che aggravare la situazione, poiché' la critica provoca dentro di lei dolore e collera. La donna piangerà e sarà immensamente triste.
Un uomo che ignora cio' che abbiamo scritto soffre di ogni mancan- za che vede in sua moglie; pensa che lei non si comporta in modo corretto e si lamenta chiedendosi quale sfortuna gli ha fatto incon- trare una tale messaggera; crede che e' stato ingannato dalla persona che gliela aveva fatta conoscere, e che ha commesso un grave errore. Ovviamente pensa che e' suo dovere rimproverarla, farle delle criti- che, umiliarla per svegliarla e condurla a cambiare e a correggersi. E' ovviamente molto difficile amarla poiché non la vede con un buon E' a causa di un comportamento tale che nascono tutti i problemi della pace coniugale: fintanto che l'uomo pensa che sua moglie deb- ba correggersi, e a maggior ragione che si crede di essere la persona preposta alla correzione di sua moglie, le vite di entrambi saranno Di conseguenza, la prima cosa che il marito deve realizzare e' la se- guente: non hai sposato tua moglie per correggerla. Ti sei sposato per correggere te stesso osservando tua moglie come in uno spec- (Tratto dal libro "Il Giardino Della Pace" di Rav Shalom Arush guida per pace coniugale, in uscita tra qualche mese con l'aiuto di Hashem 1 Ottobre 2013 ד"עשת ירשת 'זכ Momenti di Halakhà
Martedì ישלש םוי REGOLE SUL MODO DI VESTIRSI
1. Ci si mettono e ci si tolgono i vestiti con pudicizia ed è vietato pen- sare che dal momento che si sta in camera e nessuno ci vede allora non bisogna farci attenzione, perché come è scritto "Tutta la terra è piena della sua gloria", riferito ad Kb"Hu. Quindi tutte le parti del corpo che di solito sono coperte si faccia attenzione a non scoprirle per il rispetto del S. Dunque ci si affretti a vestirsi ed è bene abituare anche i bambini a seguire questi principi.
2. Anche nei casi in cui ci si deve denudare completamente come prima della doccia ci si sforzi a non rimanere molto tempo senza vestiti bensì ci si spogli il più vicino alla doccia possibile.
3. Si faccia attenzione a non vestirsi in modo disonorevole agli occhi del- la gente e quindi anche davanti al S. perché così facendo la tefillà che si prega non è apprezzata. Dunque è vietato vestire gli abiti al contrario mostrando le cuciture interne. Questo vale anche per vestiti intimi. 4. Quando si calzano le scarpe si inizia con la destra senza allacciarla, poi la sinistra e la si allaccia, infine si torna ad allacciare la destra. Per le scarpe senza lacci si calza prima la destra e poi la sinistra. Quando si tolgono si inizia dalla sinistra.
5. Il mancino che lega i tefillin sul braccio destro anch'esso inizia a legare dalla scarpa destra, però chi è mancino di gamba lega prima la scarpa 6. C'è chi dice che bisogna anticipare la destra alla sinistra solo nel ve- stirsi, però secondo l'Ari z"l ( uno dei più grandi cabalisti della storia) bisogna fare attenzione anche nel lavarsi quindi si lava il viso e poi la mano destra e poi la sinistra, il piede destro e cosi via.
7. Bisogna fare attenzione a non mettersi due vestiti insieme come per esempio camicia e maglione perché causa dimenticanza, però nel calza- re in questo modo c'è chi permette.
8. Secondo lo Shulchan aruch è vietato dormire con la moglie con il letto posizionato est-ovest, ed è bene evitarlo anche si dorme da soli. Però secondo l'Ari z"l la testa del letto deve essere verso est e i piedi verso ovest e non il contrario. C'è invece chi sostiene che si può posizionare il letto come si vuole.
(Regole tratte da yalkut yosef) 2 Ottobre 2013 ד"עשת ירשת 'חכ Momenti di Musar
Mercoledì יעיבר םוי PREPARAZIONE ALLO SHABBAT
DOMANDA: Sappiamo che lo shabbat è molto importante nella vita di un ebreo, però perché ci è così difficile riceverlo con gioia RISPOSTA: In questo mondo l'importanza ed il valore delle cose è stabilito dalla loro rarità, più la cosa è difficile da trovare più il suo prezzo sarà elevato. Per lo stesso motivo, ci entusiasmiamo più nel festeggiare la festa di Pesach, o di compiere la mizwà del lulav, rispetto allo Shabbat e alla mizwà dei tefillin.
Cosicché se Hashem ci avesse dato la mizwà dello Shabbat una vol- ta all'anno l'avremmo ricevuto nello stesso modo in cui accoglia- mo l'entrata di sukkot. Avremmo studiato tutto ciò che riguarda la grande ricorrenza dello Shabbat, e avremmo pregato ad Hashem che ci facesse sentire la grande santità di questo giorno.
Eppure bisogna sapere che il dono dello Shabbat che ci ha fatto Hashem è eccezionalmente straordinario; infatti i nostri Maestri ci hanno insegnato che così come il sonno è un 60esimo della morte, così lo Shabbat è un 60esimo dell'olam abbà – il mondo futuro cioè il gan eden. Hashem con la sua infinita misericordia, ci ha dato già in questo mondo da assaporare un'"estratto" della stessa delizia dell'olam abbà, che l'anima (se ne avrà il merito) dopo che lascerà questo mondo godrà nello stare vicino al Suo Creatore. Ciò nono- stante lo yezer – l'istinto malvagio, per farci allontanare dall'ecce- zionale splendore dello Shabbat, ha minimizzato ai nostri occhi la santità di questa giornata, proprio perché si ripete ogni settima- na. E noi, invece di tener conto dell'immensa bontà di Hashem di averci dato così tante volte durante l'anno, un tale tesoro dai Suoi patrimoni, questo è diventato purtroppo, a molti di noi motivo di noia e ripetitività. (continua domani) (Tratto dal settimanale "alè trufà" dagli insegnamenti di R. Nach- 2 Ottobre 2013 ד"עשת ירשת 'חכ Momenti di Halakhà
Mercoledì יעיבר םוי REGOLE SULLA KIPPA'
• Non si cammina con il busto e il collo retti, e questo è vietato a tutti e non solo alle persone studiose e pie, e in ogni luogo, sia per strada che nei luoghi di culto infatti è scritto "Ogni luogo è pieno della Sua gloria". Però non si pieghi troppo la testa, bensì in media misura in modo che si veda se gli viene incontro qualcuno, senza però alzare troppo lo sguardo. C'è chi dice che queste regole valgo- no solo per chi percorre 4 ammot (circa 2 metri) e c'è chi dice anche per meno di 4 ammot.
• E' vietato camminare per 4 ammot con il capo scoperto e anche se non si cammina e vietato restare senza copricapo per il tempo che si può percorrere 4 ammot. C'è invece chi sostiene che si tratti di una rigorosità. Al giorno d'oggi è bene però osservare queste regole perché la kippà testimonia l'appartenenza ai timorosi del S.
• E' bene fare attenzione di indossare una kippà che copre tutta la testa o la maggior parte di essa, in ogni caso è permesso usarne una piccola che si veda da tutti i lati del capo. Però durante la let- tura dello Shemà e dell'Amidà e a maggior ragione per la Birchat Amazon è opportuno indossare un cappello o una kippà che rico- pra la maggior parte della testa.
• E' permesso stare al bagno o in spiaggia senza copricapo anche quando non si sta nell'acqua, però quando si mangia o si sta per un tempo prolungato a riposo è bene indossare la kippà; comunque sia non si rimprovera chi non lo fa.
• Secondo la regola semplice non si dorme con la kippà, però fin quanto sia possibile e' bene essere rigorosi e indossarla tutta la not- te durante il sonno.
• Bisogna educare i bambini dall'età di tre anni dopo il taglio di capelli ad abituarsi ad andare sempre con il capo coperto.
• Se cade la kippà e bisogna camminare più di 4 ammot (circa 2 me- tri) ci si copre la testa con la manica del vestito o con qualche altra cosa, oppure ce la si fa coprire da un compagno anche con la mano.
(regole tratte da yalkut yosef) 3 Ottobre 2013 ד"עשת ירשת 'טכ Momenti di Musar
Giovedì ישימח םוי PREPARAZIONE ALLO SHABBAT

(continua da ieri) Per combattere lo yezer aràa, e vivere lo Shab-
bat con entusiasmo e gioia vera, serve preparazione! Se per ogni mizwà la santità che si riversa sulla persona è dipesa dalla sua pre- parazione prima di eseguirla, lo stesso vale per il Santo Shabbat. C'è infatti scritto nel talmud: "Chi si è affaticato prima di Shabbat, allora mangerà di Shabbat!". Questa preparazione, oltre ad occu- parsi delle compere per lo Shabbat, consiste principalmente nella preghiera ad Hashem, fin dall'inizio della settimana, che ci faccia meritare di assaporare la santità dello shabbat e accresca in noi stessi il desiderio di compiacersi della splendore della delizia di questo profondo tesoro. E grazie al nostro ardore, Hashem ci farà gustare la dolcezza del Santo Shabbat! Riportiamo qui qualche brano dal libro "Likutèi Ezot" di Rabbi Nachman di Breslav riguardo l'importanza dello Shabbat: -I pasti di Shabbat sono diletti e consacrati. Tutto il mangiare di questo giorno (rispetto ai pasti fatti durante la settimana) anela to- talmente alla santità (anche se si gode del cibo mangiato), perché il pasto dello Shabbat è kodesh – santo! Grazie ai pasti di Shabbat si annulla la rabbia e cresce la pace e l'amore.
-Grazie allo Shabbat si riversa sulla persona Daat – discernimento, e grazie a questo si acquista la virtù della compassione, perché la misericordia dipende dal livello di saggezza dell'uomo.
-Bisogna fare molta molta attenzione ad essere allegri di Shabbat, perché la santità dello Shabbat è enorme! Come infatti è riportato in tutti i libri sacri (ci si documenti quindi con quei libri che parla- no di questo, Reshit Chochmà ecc), la parte principale della mizwà dello Shabbat è la gioia! Non si deve essere tristi o preoccupati chas veshalom. Si devono incrementare ogni tipo di piacimenti di Shabbat, sia in cibi e bevande, che in vestiti secondo la propria disponibilità. Beato colui che si sforza ad essere allegro di Shabbat, perché la parte principale dell'onore dello Shabbat è la gioia! (Tratto dal settimanale "alè trufà" dagli insegnamenti di R. Nach- 3 Ottobre 2013 ד"עשת ירשת 'טכ Momenti di Halakhà
Giovedì ישימח םוי REGOLE SULLA KIPPA'
• E' vietato benedire o pronunciare il nome di D. con il capo sco- perto , e maggior ragione pregare. Se durante la amidà però cade la kippà e ce se ne accorge solo dopo averla finita, a posteriori si è usciti d'obbligo, la stessa regola vale per le benedizioni.
• - Chi è costretto a stare senza kippà, per esempio dal barbiere , o nel mare ha il permesso di pensare a studi di torà, per non causare bittul torà -mancato studio della torà.
• Chi è a capo scoperto può rispondere amen alla berachà del com- pagno . Quindi nel caso che si stia mettendo i tefillin e tra quelli del braccio e quelli della testa si deva rispondere al kaddish è lecito farlo anche se non si ha la kippà in testa. • Per chi si trova in un luogo di lavoro in cui non permettono di indossare la kIppà o il cappello e non si ha altro modo di sosten- tarsi c'è chi permette, se dovuto al suo sostentamento, di stare a capo scoperto. Però se non si è veramente costretti, non si deve temere gli schernitori. C'è invece chi sostiene che basti indossare una parrucca per risolvere il problema e c'è chi si oppone a que- sta soluzione per il motivo del marit-ain perchè sembrerebbe che non indossi la kippà. Comunque è bene consigliarsi con un rav per ogni caso specifico.
E' permesso salutare il compagno con "Shalom" anche se questi sta a capo scoperto, nonostante ci hanno insegnato i nostri maestri nel talmud di shabbat(10b) che il nome di Kb"Hu è Shalom; questo non viene considerato indurre il prossimo a peccare perché è vieta- to pronunciare solo in nome Elo-im o A-nai però il nome Shalom secondo la regola semplice non esiste nessun divieto di pronun- ciarlo senza kippà. Quindi è permesso dire "Shabbat Shalom" ad un suo amico. Però nel caso sia possibile meglio usare un altro sa- luto come buongiorno o buonasera ecc.
• Non si vada scalzi dove il suolo non è pavimentato o asfaltato, questo vale fuori Israele ma in terra d'Israele secondo la regola semplice è permesso anche dove non lo è. Però sedersi è lecito solo sul pavimento e non sul terreno sia in Israele che fuori, comunque se possibile è bene mettere un vestito o un cuscino come separa- (regole tratte da yalkut yosef) 4 Ottobre 2013 ד"עשת ירשת 'ל Momenti di Musar
Venerdì ישיש םוי
Parashat Noach
Il Rebbe "Tzemach Tzedek" di Lubavitch era solito raccontare di un ebreo semplice e genuino che abitava in un villaggio vicino Jerushalaim, il quale, nonostante la sua ignoranza, non aveva mai dimenticato di recitare le pre- ghiere quotidiane. Egli non conosceva tuttavia il significato delle parole che pronunciava né sapeva quali fossero le preghiere da dire di volta in volta, tanto che lo stesso era costretto a recarsi, ogni volta che si trovava in città per vendere i prodotti del proprio campo, da un rabbino che pazien- temente gli indicava le parti da recitare durante i giorni feriali, i digiuni pubblici, il rosh chodesh, etc. Una volta questo ebreo giunse in città e vide che tutti i negozi degli ebrei erano chiusi: una persona che passava di lì gli spiegò che in quel giorno era stato decretato un digiuno pubblico e che, pertanto, tutti gli ebrei si trovavano al Beth HaKnesset. Nell'apprendere questa notizia l'ebreo si rattristò molto, in quanto credette che il suo rab- bino aveva dimenticato di indicargli le giuste preghiere da recitare in quel digiuno; corse quindi di fretta verso il Beth HaKnesset e, una volta incon- trato il rabbino, scoppiò in un pianto dirotto lamentando la sua tristezza per non aver potuto pregare insieme al pubblico durante questo digiuno. Il rabbino lo tranquillizzò, spiegandogli che non si trattava di un digiuno obbligatorio ma di un digiuno pubblico che era stato decretato a causa della siccità che affliggeva da diverso tempo Jerushalaim e che rischiava di provocare una grave carestia in città. L'ebreo, evidentemente stupito dalla spiegazione del rabbino, domandò lui il motivo per cui, per la semplice mancanza di acqua, si era addirittura deciso di decretare un digiuno pub- blico: "Quando non piove ed ho necessità di acqua per il mio campo – disse l'ebreo –, esco fuori di casa e supplico Hashem dicendo: "Padre! Mi serve acqua!" E subito dopo inizia a piovere". Gli rispose il rabbino: "Bene, se così facendo sei sicuro che scenderà la pioggia, prova anche adesso ad invocare l'aiuto di Hashem". Uscirono entrambi all'esterno del Beth HaKnesset ed il semplice ebreo, con le lacrime agli occhi, rivolse lo sguardo verso l'alto dicendo: "Padre! Vuoi forse che i tuoi figli che vivono a Jerushalaim siano colpiti da una grave carestia? Manda loro la pioggia affinché possano con- tinuare a vivere!". Non fece in tempo a terminare di parlare, che il cielo si riempì di nuvole ed una intensa pioggia di berachà scese sulla città di 4 Ottobre 2013 ד"עשת ירשת 'ל Momenti di Halakhà
Venerdì ישיש םוי REGOLE DI SHABBAT
-Ci hanno insegnato i nostri Maestri nel talmud di Shabbat 118a: "Chi mangia 3 seudot – pasti di Shabbat si scampa da 3 duri eventi: dalle doglie del Mashiach, dalla punizione del Gheinnom (luogo di purificazione dalle trasgressioni) e dalla guerra di Gog e Magog". E ha detto Rabbì Yossi: "Colui che mangerà tre pasti durante lo Shabbat avrà parte al mondo futuro".
-Quindi ognuno si sforzi a mangiare anche la seudà shelishit, anche se è sazio, mangiando perlomeno 54gr. di pane; nel caso che gli ri- manga estremamente difficile potrà alleggerire con 27gr. senza però benedire, e facendo la netilat yadaim.
-Nel caso sia malato, o estremamente sazio a tal punto che la seudà shelishit lo affligga nel farla, allora sarà esente, dal momento che le seudot sono state prescritte per goderne e non per soffrirne.
-Si deve fare attenzione a non saziarsi troppo durante il pranzo, per lasciare posto alla seudà shelishit, specialmente di inverno quando le giornate sono corte.
-Sia la donna che l'uomo hanno l'obbligo di mangiare la seudà she- -Il tempo di questo pasto inizia con l'arrivo di quello di minchà, quindi già dalla sesta ora e mezza proporzionale (vedi tabella nel lu- nario nella voce minchà ghedolà) è possibile già mangiare la seudà -C'è chi sostiene che è preferibile mangiare seudà shelishit solamente dopo aver pregato minchà, tuttavia si esce d'obbligo avendo mangia- to anche prima di minchà, a meno che non sia ancora arrivato il suo tempo. Quindi nel caso si preghi in un bet akeneset dove pregano minchà e arvit nello stesso tempo, allora si potrà mangiare la seudà shelishit prima di recarsi al tempio.
-Se la si è mangiata prima della sesta ora e mezza proporzionale si dovrà farla di nuovo. Se però si è iniziato prima di questo tempo e nel frattempo è giunto il tempo stabilito, allora basterà mangiare la quantità suddetta per uscire d'obbligo dalla mizwà.
-E' bene bere del vino durante la seudà shelishit come per le altre 2 seudot di shabbat per l'onore della giornata.
(alachot tratte da Yalkut Yosef) continua dal 1 di tishri Chi riesce a Tica be Av a piangere per tutto ciò dimostra di avere ancora un forte legame con il glorioso passato ebraico e quindi di farne in qual- che modo ancora parte (nessun romano piange per la caduta dell'impero romano perchè non vi si sente legato, non sente di essere un diretto di- scendente dei romani di all'ora), questa è la nostra consolazione. Tramite il lutto continuiamo a essere parte del popolo ebraico ai tempi in cui tutto il mondo sapeva che era il popolo prediletto, continuiamo a essere lega- ti a Mosce Rabbenu, siamo ancora coloro che hanno ricevuto la Torà sul E questo ci insegna anche come deve essere la nostra tescuva, tescuva si- gnifica ritorno , tramite il pentimento per i peccati ci riavviciniamo ad Akadosc Baruh uh e cerchiamo di far rivivere il passato in cui ogni ebreo era legato al S. in maniera diretta., ma questo passato lo abbiamo potuto conoscere solo a Tisca be Av giorno in cui abbiamo pianto per la sua per- dita. Adesso possiamo finalmente capire quali devono essere le le nostre preghiere a Rosc Ascana, questo è il giorno in cui proclamiamo che il S. è il padrone del mondo, che è il nostro Re e noi siamo i Suoi schiavi contenti di servire il loro padrone. Questo è il giorno in cui chiediamo di far rivivere il passato, in cui chiediamo al S. di manifestarsi come si è manifestato sul monte Sinai, di riportarci ai livelli di spiritualità che vi erano al tempo in cui il Bet Amikdasc era costruito (basta vedere la traduzione delle tefillot di Rosc ascana per rendersi conto che sono basate quasi unicamente su questa richiesta). Ogni anno che passa ci avvicina al momento in cui ve- ramente il S. si rivelerà al suo popolo e "ogni creato saprà chi è il suo crea- tore", sia volontà del S. che proprio quest'anno sia quello in cui vedremo il ritorno di D-o in Zion con la venuta del Messia. "Tihle Scana vechillelotea tahel scana ubircotea"(finisca l'anno con le sue maledizioni, inizi l'anno con le sue benedizioni), scana tuva umevorah a tutti.

Source: http://www.e-brei.net/uploads/vitaebraica/momenti/anno2numero1.pdf

Ccac species-specific recommendations on: amphibians and reptiles

CCAC species-specific recommendations on: AMPHIBIANS AND REPTILES 1. General When working in the field, investigators should follow the Declining Amphibian Population Task Force (DAPTF) Fieldwork Code of Practice (http://www.mpm.edu/ collect/vertzo/herp/Daptf/fcode_e.html) to reduce the risk of spreading diseases among study sites. Additionally, the guidelines of the American Society of Ichthyologists and Herpetologists (ASIH) should be consulted. Their recommendations acknowledge that the investigator will often be an authority on the biology of the species under study, and provide advice on techniques that are known to be humane and effective in the conduct of field research (ASIH et al., 1987 [http://www.asih.org/pubs/herpcoll.html]). 2. Killed

Microsoft word - epilepsiebehandlung-kinder-065-2008.doc

Informationszentrum Epilepsie (ize) der Dt. Gesellschaft für Epileptologie e.V. Reinhardtstr. 27 C 10117 Berlin Tel: 0700/13141300 (0,12 €/min) Fax: 0700/13141399 Internet: www.izepilepsie.de Aktuelle Epilepsiebehandlung im Kindes – und Jugendalter Autoren: Prof. Dr. Gerhard Kurlemann, Dr. Barbara Fiedler - ein al gemeiner Leitfaden -